Windows Server 2008

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 6 mesi 25 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

Sono stato alla presentazione del nuovo sistema operativo server di Microsoft (Heroes tour 2008). Dopo il solito pistolotto poco tecnico e molto “figo” l’incontro ha preso una piega decisamente tecnica. Devo dire che dopo questa mezza giornata mi sono rimaste in mente alcune cose decisamente chiare (frase difficile? sono le 23 e sono un pelo fuso…).

Installazione Core

E’ possibile installare Win 2008 in versione “core”, cioè con il solo prompt dei comandi diponibile, niente interfaccia grafica. Opzione molto interessante. L’installazione pesa solo 1,5GB contro i 6 dell’installazione normale. La RAM occupata a sistema acceso pulito è intorno a 300MB. Non male.

Avendo lavorato un po’ in linux mi aspettavo una grezzissima interfaccia tipo terminale, in solo testo. Delusione. Volete vedere com’è la versione core? Salvate tutti i vostri dati e sappiate che non mi prendo responsabilità di alcun tipo…

  1. togliete lo sfondo di windows
  2. aprite un prompt di DOS (Start, Esegui, scrivere “cmd” e premere OK)
  3. aprite il Task manager (Ctrl + Shift + Esc)
  4. andate alla scheda processi
  5. Cercate il processo “explorer.exe” e terminatelo

Avete ottenuto il vostro Windows Core. In pocha parole è windows senza Explorer, ma con una finestra del prompt di DOS classica (ridimensionabile, spostabile e chiudibile). Per collegarsi in remoto al server è quindi necessario un client RDP. Sono rimasto un po’ deluso.

Altra nota: con questo tipo di installazione le patch da applicare a Windows si dovrebbero ridurre del 60% (fonte: slides di Microsoft). Come diceva un presentatore televisivo.. “la domanda sorge spontanea”… ma quanto è bacato Explorer??

Hiper – V

Ecco, questo è uno spettacolo! Sperimento parecchio con le macchine virtuali. In Win 2008 il tutto è diventato, stando a quello che ho visto, molto semplice e veloce. Dalla console del sistema si accendono e spengono le macchine, si possono creare macchine a partire da una stessa fonte e salvare solo i cambiamenti dei file (si crea un HD virtuale e si installa il primo sistema, si usa lo stesso disco per creare una nuova macchina, da quel momento il disco diventa di sola lettura e da un’altra parte vengon salvate solo le variazioni) risparmiando un sacco di spazio. Tecnologia decisamente interessante. La proverò quanto prima.

Terminal Services

La rivoluzione. Si può condividere una singola applicazione (come in Citrix, da anni) e la si può utilizzare anche se disconnessi dalla rete. Il protocollo è stato migliorato e, banda permettendo, supporta 32bit di colore, multi monitor, riproduzione video, clear type sui font…

C’erano un sacco di altre informazioni, se percaso riuscirò a fare un po’ di test ve li riporterò qui.

PS
Niente link al sito Microsoft, inspiegabilmente non va un tubo…

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.