L’ho comprato ed è mio. Invece no

closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 1 mese 21 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

Parliamo di materiale digitale ovviamente. la cosa mi sembra alquanto grave ed è bene sottolineare come si sta muovendo il mercato.

Nell’era pre-iTunes/amazon/etc se volevo compare musica, mi recavo in negozio, sceglievo il CD, pagavo e me lo portavo a casa. E’ mio! Che ci faccio se è mio? Lo ascolto milioni di volte, su qualunque dispositivo, anche lo stereo di un amico, lo posso prestare e in ogni caso, fino a quando non lo getterò via, il CD resterà nella mia collezione.

Adesso è più facile, basta aprire il programma, dare il numero di carta di credito e scegliere il CD (che non è più un CD) da scaricare. Pago, in pochi minuti lo scarico ed è mio! E invece… no. La “sottile differenza” è che non è mio, ma il venditore me ne concede l’uso in licenza, come se me lo noleggiasse a tempo indeterminato. ma se lo voglio prestare ad un amico non posso, non posso ascoltarlo in un dispositivo non registrato a nome mio e non potrò tenerlo per sempre nel mio scaffale digitale. perché se il venditore lo desidera, me ne può togliere il diritto d’uso ed io non lo avrò più. Senza avere i soldi indietro, ovviamente.

La stessa cosa vale per i libri, come venuto alla ribalta con il recente caso di Amazon che ha cancellato un account senza addurre motivazioni e, di fatto, cancellando tutti i libri comprati senza restituire i soldi spesi. Il caso in questione è fumoso e non chiarissimo, ma il concetto basilare è il seguente: Mi paghi, ti concedo di leggere il libro e, a mio insindacabile giudizio, posso toglierti il libro senza rimborso. E tu non potrai farci nulla.

E’ come dare le chiavi di casa al libraio, in modo che lui possa venire in qualsiasi momento in casa tua a riprendersi il libro. Paura?

Come fare per evitare tutto questo?

  1. Non compare più nulla di digitale e tornare al vecchio stile
  2. Comprare in digitale e togliere il DRM, che è il sistema che permette al venditore di riprendersi un file che ti ha ceduto in licenza.

Il secondo punto non è legale, che sia chiaro. Ma permette di mettersi al riparo dalla “restituzione forzata”

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.