Torino panoramica

closeQuesto articolo è stato pubblicato 5 anni 1 mese 4 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

Ed eccoci ad un altro post sulle cose interessanti da vedere/fare a Torino. Come quasi ogni città ci sono dei posti che permettono di vederla dall’alto, in tutto il suo splendore e dove ci ci può divertire a trovare i corsi principali, i monumenti, la Mole Antonelliana, il nuovo e “bellissimo” grattacielo… Vi presento un po’ di luoghi e qualche dritta per arrivarci.

Mole Antonelliana

E’ il monumento più alto di Torino e non è superato neanche dal nuovo grattacielo ancora in costruzione. Si può salire con il bellissimo ascensore che pare sollevarvi nel vuoto, visto che è tutto in cristallo e passa in mezzo alla maestosa cupola (dentro la quale c’è il Museo Nazionale del Dinema, assolutamente da vedere). Dalla cima si può vedere tutta la città, dalle montagne che le fanno da cornice a nord e a ovest fino alla collina a sud-est. Se andate la mattina avrete buona visuale sulle Alpi e pessima sulla collina, la sera viceversa, con il tramonto dietro le montagne. L’ascensore costa 6€ ed è aperto tutti i giorni tranne il lunedì. Abbandonate l’idea di arrivarci in auto, è in una zona pedonale e molto centrale. Usate il bus oppure parcheggiare in Piazza Vittorio Veneto (parcheggi sotterranei) e fate 4 passi in via Po per raggiungerla.
Vista di Torino dalla Mole Antonelliana

Monte dei Cappuccini

Situato subito dopo il ponte di Piazza Vittorio Veneto, oltre il Po, è visibile dalla piazza stessa. Si sale in auto fino al belvedere in giorni feriali oppure si parcheggia sotto e si cammina un po’ per arrivarci. E’ il posto migliore per vedere Piazza Vittorio, la Mole e molto vicina, la Gran Madre, in periodo natalizio si vede anche la successione di Fibonacci, in cifre rosse, su uno dei lati della Mole Antonelliana. Voltando lo sguardo a destra si vede la Basilica di Superga. Ci sono i binocoli (a pagamento, con la monetina) per avere una visuale più ravvicinata dei vari monumenti
Vista di Torino da monte dei Cappuccini

Mongolfiera di Borgo Dora

Novità nel “panorama” torinese. Una mongolfiera che si alza a 150m dal suolo. Più panoramico di così credo sia quasi impossibile. Con il maltempo non si alza. Parcheggio un po’ difficile, zona raggiungibile facilmente con i mezzi pubblici

Basilica di Superga

Uno dei tre posti panoramici migliori sulla collina torinese. Si raggiunge in auto dal quartiere Sassi e si può sfruttare l’ampio parcheggio nel piazzale accanto alla basilica, in alternativa si può utilizzare la bellissima (e, se siete in coppia, romanticissima) tramvia a dentiera che si inerpica fino alla basilica. Si ha una bellissima visuale sulla città e sulle alpi e la sera si può godere di fantastici tramonti (ricordate che il tramonto diventa bello dopo la scomparsa del sole e soprattutto se in cielo c’è qualche nuvola). Ma se volete avere ancora di più, salite sulla cupola (131 scalini) e non ci saranno neanche più gli alberi ad oscurare la vista. Se siete tifosi del calcio, dietro alla basilica potete trovare la lapide che ricorda l’incidente aereo del Grande Torino, tragicamente scomparso nel 1949.
Guardando esattamente davanti a voi vedrete la “striscia” di Corso Francia che termina esattamente sotto al castello di Rivoli, è un allineamento perfetto e si vede nei giorni sereni e senza smog.
Vista di Torino da Superga

Parco della Rimembranza o della Maddalena

Sempre in collina è un parco immerso nel verde, con centinaia di piccole lapidi in ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Il punto più alto è nel piazzale del Faro della Vittoria (visibile da quasi tutta Torino), dal quale si ha una splendida visuale sulla città. In serata il tramonto, come da Superga, è dietro le montagne davanti a voi. Andateci in auto e ricordate che la domenica parcheggiare è alquanto arduo, la sera è molto più semplice. Nota “tecnica”. A fianco al parco ci sono le antenne ripetitori di ogni tipo di segnale esistente, se il telefono non prende, è colpa loro.

Cavoretto o Parco Europa

Ultimo parco della collina torinese, meta romantica per eccellenza, è un parco completamente terrazzato ben tenuto ed adatto a passeggiate serali. Stessa splendida vista sulla città, spostato a sinistra rispetto al Parco della Rimembranza (guardando verso Torino). Andateci in auto e sappiate che la sera il parcheggio è sempre pieno.

Castello di Rivoli

Poco fuori Torino, raggiungibile agilmente in auto seguendo le indicazioni dopo l’uscita “IV Novembre” della tangenziale, si arriva al castello di Rivoli, dal cui piazzale si vede tutta la città dal lato esattamente opposto rispetto alla basilica di Superga, lo spettacolo più bello è l’alba, che avviene, dietro alla basilica, dipendentemente dalla stagione.

Sacra di San Michele

Questo punto panoramico non è in città, ma ci si deve spostare di qualche Km, entrando nella Valle di Susa, essendo ad inizio valle ed in posizione piuttosto elevata la visuale su Torino toglie il fiato. Vale la pena affrontare il viaggio. (in breve: tangenziale, direzione Bardonecchia, uscita Avigliana Est, direzione Giaveno, seguire le indicazioni per la Sacra di San Michele). Già durante il viaggio, tra una curva e l’altra potete ammirare la vista sula bassa valle. Arrivati al parcheggio, fate 4 passi sulla strada pedonale ed arrivare alla monumentale costruzione (che fece da spunto per il romanzo “Il nome della Rosa”). La visita all’interno è economica, già che siete lì, approfittatene.
Vista di Torino dalla Sacra San Michele

Note finali: Torino è una grande città, in quanto tale, ha un grande traffico ed un “grande” smog, le giornate migliori per vederla dall’alto sono serene dopo una nottata di vento, che ha portato via l’orrida coltre marrone che si adagia ovunque e toglie visibilità. Se volete gustarvi tutti i panorami possibili, vi consiglio di farvi un giro in giornata e uno serale, tempo permettendo, ovviamente.

Un commento su “Torino panoramica”

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.