Il mio programma elettorale

closeQuesto articolo è stato pubblicato 2 anni 7 mesi 3 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

No, non voglio entrare in politica, la cosa mi farebbe parecchio ribrezzo, visto quel che sento di quell’ambiente. Però vivo in uno Stato dove le leggi non sono proprio a tutela del cittadino e sicuramente non aiutano a vivere in modo semplice.

Ecco, in un ipotetico mondo dove io potrei candidarmi, questo sarebbe il mio programma a grandi linee; sicuramente non coprirebbe tutte le necessità nella nostra Italia, ma magari ci farebbe vivere un po’ meglio.

Pubblica amministrazione

  • Gli uffici pubblici e le strutture ricettive della sanità devono essere aperti con orario continuato (facendo fare i turni ai dipendenti ovviamente) dalle 7:00 alle 21 dal lunedì al sabato.
  • Idem per tutte le banche e gli uffici postali e i servizi di consegna corrispondenza
  • L’accesso a tutti questi servizi dalle 7:00 alle 9:00 e dalle 18:00 alle 21:00 è tassativamente vietato ai pensionati e a chi non lavora, che avrebbero tutto il tempo di andare in orario durante il giorno
  • Abolizione dell’acquisto delle cose pubbliche con la regola del “costa meno” (e poi si rompe subito), ma al miglior rapporto qualità prezzo.
  • Durata massima in cariche pubbliche per la vita di una persona: 10 anni, poi torna nel privato (e fuori dalla scena)
  • Abolizione completa di “fai il certificato in un Ente Pubblico per portarlo ad un altro Ente Pubblico”. Gli enti tra di loro si parlano e prendono le informazioni che servono, in tempo reale
  • Tornelli e riconoscimento facciale per ingresso e uscita dei dipendenti di ogni azienda pubblica.

Sanità

  • Il medico di base deve essere disponibile, in studi associati con più medici, nell’arco delle 24h, 7 giorni su 7.
  • Il Pronto Soccorso non deve accettare più pazienti che non siano in pericolo di vita o con traumi (per la quale diagnosi servono attrezzature che un medico di base non ha)

Elezioni

  • I referendum devono essere senza quorum
  • Per poter votare deve essere superato un test di cultura generale presso il seggio, pena la perdita del diritto fino al voto successivo

Tasse e pagamenti

  • Evadi le tasse, anche solo per 1€? In galera senza tanti patemi
  • Abolizione del denaro contante e delle commissioni sul pagamento con carta di debito/credito. Tutto quello che si paga, dalla caramella all’appartamento, tutto con denaro elettronico/tracciabile

Giustizia

  • In galera si lavora e ci si deve mantenere vitto e alloggio, con incentivi alle aziende che fanno lavorare, dal carcere, le persone. Se non vuoi lavorare dormi in cortile e non mangi, perché alla fine è corretto che tu soffra almeno quanto chi un lavoro non ce l’ha.
  • Abolizione della prescrizione su ogni reato
  • Casellario giudiziario incancellabile
  • Intercettazione telefonica, mail, ambientale sistematica di tutti coloro che hanno a che fare con la Cosa Pubblica

Servizi essenziali

  • La connettività internet deve essere un diritto, come acqua, luce, gas e fognatura. A pagamento, ovviamente ma disponibile per tutti (100%, non 98%)
  • Un minimo di ore obbligatorie di volontariato mensili, perché serve a chi le fa e serve a chi ne ha bisogno

Codice della Strada

  • Niente più telepass o casello, abbiamo la tecnica per fare la foto della targa e mandare la multa a chi viaggia a 250Km/h, possiamo quindi legare ogni targa ad un conto corrente e fine mese mandare tutti i pedaggi autostradali. Senza più code. (lo fanno già sulla Pedemontana in Lombardia)
  • Abolizione del concetto che i controlli sul C.d.S. devono essere preventivamente segnalati. Se non rispetti una regola e ti becco, anche se sono dietro ad un cespuglio, la multa è valida. Troppo facile così.
  • Targa identificativa (assegnata a chi pedala) sulle biciclette, per riconoscere il mezzo in caso di incidente o violazione del C.d.S.
  • Obbligo di casco, illuminazione e specchietto retrovisore sinistro su tutte le biciclette
  • Obbligo di installazione di dash-cam su tutte le auto, con i video piombati nella scheda interna a sola disposizione delle FFO in caso di incidente (o evento accaduto davanti all’auto)
  • Obbligo di installazione di un muro alto 2m in tutte le autostrade, in modo che le carreggiate non siano visibili tra di loro. Basta effetto “code per curiosi”
  • Rinnovo della patente ogni 10 anni con annesso test di teoria e test di guida
  • Corso di guida sicura obbligatorio e a pagamento prima della consegna della patente
  • Confisca della vettura con targa estera se guidata da persona con patente Italiana oppure con patente estera e residenza in Italia.

Istruzione

  • Abolizione completa e totale di ogni finanziamento alle scuole private, con dirottamento di tutti i soldi alle scuole pubbliche
  • Obbligo di digitalizzare tutti i testi scolastici, con buona pace delle case editrici
  • Processo penale per i professori universitari che firmano la copia del proprio libro all’esame per evitare che ci sia la compravendita

Lavoro

  • Lavori socialmente utili obbligatori per tutte le persone che percepiscono denaro senza lavorare (Mobilità, Cassa Integrazione, …) per almeno 4 ore al giorno
  • Obbligo in ogni ufficio pubblico e privato di addebito forfettario in busta paga di 2€cent per ogni pagina stampata, che sia di lavoro o meno. Magari si riduce la quantità di carta inutile che si utilizza costantemente negli uffici

Attività quotidiane

  • Identificazione personale sui sacchetti dell’immondizia con rfid, così da non avere più il problema delle bottiglie di plastica nell’umido e il vetro nell’indifferenziata

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.