Arduino Day 2016 – Qualche riflessione

closeQuesto articolo è stato pubblicato 2 anni 8 mesi 14 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

Sono andato all’Arduino Day 2016 che si è svolto a Torino al FabLab che è proprio sotto alle Officine Arduino. La concomitanza con il WordCamp torinese proprio lì a fianco (due eventi così, lo stesso giorno dello stesso isolato) ha fatto sì che gli spazi fossero limitati al FabLab.

Cinque makers (sì cinque!), qualche progetto, dei quali uno già visto ad una Mini Maker Faire e un po’ di persone con cui chiacchierare. Solito ambiente di (pochi) nerd e poco più.

C’erano anche dei talk, uno di presentazione del progetto Arduino/Genuino, uno relativo alle schede ESP8266 (che se armeggiate con Arduino dovreste comprarvene subito una), uno relativo al braccialetto “get” (la vera rivelazione della giornata) e poi quello che più aspettavo: la presentazione della nuova scheda MKR1000.

Partiamo dall’inizio. La presentazione del progetto di Arduino/Genuino è stata raffazzonata all’ultimo perché chi doveva fare l’introduzione non si è presentato. Tanto di cappello a chi lo ha sostituito al volo, ma è un passo falso non da poco. 15 minuti invece di 30.

La presentazione dei progetti fatti con ESP8266 è stata invece interessante, non perché tenuta da un ex-collega (il mondo è piccolo davvero), ma perché con questo dispositivo si può davvero fare un sacco di roba e soprattutto costa poco (3€). Grazie ad un gruppo di Russi si programma con l’IDE di Arduino. Provatelo!

La presentazione del braccialetto che risponde alle notifiche con una gesture del polso e fa sentire l’audio della telefonata tramite vibrazioni ossee è stata fantastica, lo voglio! Guardatevi il video

E poi il disastro. Hanno presentato la nuova piattaforma di sviluppo nel cloud di Arduino, la Arduino Create, ancora in beta, e per la quale già due anni fa mi avevano detto che non sapevano che modello di business avrebbero avuto e ancora adesso non lo sanno. Hanno presentato la nuova MKR1000 (40 secondi, non di più) senza neanche farla vedere. Non avevano un banchetto per venderla. Presenti una novità del genere ad una platea di nerd che spendono soldi in una marea di cose elettroniche basta che abbiano i LED e che si possano programmare e non metti un banchetto dove vendere questa roba? Ma cos’hai nel cervello? Un ammasso di stagno fuso?

Strategia di marketing: nulla. Idea di fatturare subito (saremo stati 60? L’avrebbero comprata in 50. Sul web molti meno): nulla.

I nerd da soli non vanno da nessuna parte, se non hanno chi sa vendere che indichi loro la strada…

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.