Scegliere un hard disk

Il disco fisso, o hard disk, è un componente importante per la memorizzazione duratura dei dati, per questo è bene scegliere correttamente la tecnologia (ho parlato delle differenze tra i dischi fissi un due puntate di Pillole di Bit, qui e qui) e la capacità. Un fattore che spesso si tralascia è la modalità si assistenza e sostituzione in caso di guasto.

Mi spiego con un esempio concreto:

  • Disco IBM/DELL/HP di fascia enterprise
    • Costa molto caro.
    • Si guasta oggi, in una media di 24h ho il disco sostitutivo, entro 5gg devo restituire quello guasto, senza costi di corrieri
  • Disco WD RED da NAS (ho avuto esperienza con questo in questi giorni)
    • Costa molto meno (1/4) di quelli di fascia enterprise
    • Si è guastato il 17/04/2017
    • Ho aperto la chiamata il 18/04/2017
    • Ho spedito a mie spese il disco
    • E’ arrivato il disco sostituivo l’8/05/2017, per un totale di 21 giorni senza disco.

Non è necessario avere dischi di fascia enterprise per il vostro piccolo NAS da ufficio, ma se ci tenete davvero ai dati, oltre a farne un backup in altro dispositivo, comprate un disco in più e tenetelo pronto per la sostituzione.

Viaggiare 2.0 – cosa devo mettere in valigia?

Pessimo titolo, lo so, ma non sapevo cos’altro mettere :). Il sottotitolo sarebbe “un elenco di cose alle quali fare attenzione quando si viaggia, in questa nuova era digitale“.

Ognuno fa la valigia come gli torna più comodo, decide quante mutande portare, se prendere il maglione di lana o la felpa, se portare un paio di scarpe in più, questo da sempre. Ma da un po’ di tempo ci si porta dietro anche un po’ di armamentario tecnologico, per questo la valigia dovrebbe cambiare un po’ per adattarsi a queste nuove tendenze. In questo elenco cercherò di essere il più esaustivo possibile, ma tenete conto che sono le mie idee basate su quello che mi porto io, per ognuno le necessità potrebbero cambiare (come il secondo paio di scarpe, per intenderci)

Ricarica

  • Un carica batterie per ogni tipo di batteria che dovrete usare – fate attenzione che se andate in paesi come gli USA la tensione cambia, conviene verificare che sul dispositivo sia indicato 110-220VAC 50-60Hz.
  • Una ciabatta con un po’ di prese – in albergo le prese di corrente sono sempre troppo poche.
  • Un adattatore dalla presa del Paese dove sarete e la spina italiana della ciabatta di cui sopra – io me ne sono fatta una che vale in un po’ tutta Europa, togliendo il pin della terra da una italiana 10A. Non usare la terra è pericoloso, ma solitamente tutti i carica batteria ne fanno già a meno, il problema quindi non sussiste.
  • Un alimentatore con 4-5 porte USB, tipo questo
  • Cavi e cavetti per la ricarica di cellulari e simili – due per tipo, che non si sa mai, verificate di avere tutti i connettori di cui avrete necessità (lightning, mini USB, micro USB, USB-C, …)
  • Almeno un battery-pack, se ha 2-3 uscite USB è sicuramente più comodo, come questo

Fotografia

  • Macchina fotografica – indispensabile.
  • Almeno 2 batterie di scorta – capita sempre che la batteria ci lasci sul più bello
  • Carica batterie – per ovvi motivi
  • Una scheda di memoria di scorta – che se la prima si riempie non è sempre così immediato trovarne un’altra
  • Un sistema di backup per le foto (PC portatile o HD esterno che si colleghi direttamente alla macchina fotografica) – se vi rubano la macchina fotografica a metà viaggio, o se vi cade da un ponte o altre disgrazie simili, se non avete fatto il backup delle foto avete perso anche loro.
  • Un posto dove tenerla che sia impermeabile – fanno un sacco di borse e zaini con la fodera impermeabile in caso di pioggia

Telefonia

  • Lo smartphone – ovviamente
  • Due cavi di ricarica – in vacanza ci si deve portare mille cose, tutte in tasca, è facile che un cavetto si rovini o si perda.
  • Un condom-USB – evita che una presa USB sconosciuta possa avere accesso fisico al telefono per rubare dati o installare un malware.
  • La consapevolezza delle tariffe telefoniche e di Internet in roaming in base al Paese da visitare – prima di decollare disattivate il roaming e la rete dati, così per sicurezza
  • Una saponetta WiFi dentro cui mettere una SIM del posto – è il modo migliore per avere Internet ad un costo ragionevole, l’ho fatto in Gran Bretagna, Madagascar, Danimarca. Ormai le SIM dati per i turisti si trovano facilmente. Preferisco la saponetta piuttosto che cambiare la SIM del telefono perché così resta attivo il numero di telefono che tutti conoscono e gli account delle app di messaggistica che fanno riferimento al numero stesso.
  • Un battery-pack aggiuntivo per la saponetta WiFi – se la tenete sempre accesa, ricordate il cavo di ricarica
  • Un’app per fare la VPN dal telefono e/o dal PC – Le reti WiFi libere sono sempre più diffuse, ma quelle senza password non proteggono il traffico che generate con lo smartphone, insomma, tenere le cose che fate non alla luce del sole è meglio (non è bello se vi rubano gli accessi della banca mentre usate l’app per vedere l’estratto conto). Io uso questa che va benissimo, è facile e ha un costo assolutamente accettabile. Informatevi prima se nel paese dove andate l’utilizzo delle VPN sia permesso dalle leggi vigenti.

Muoversi (un po’ di app da tenere con sé)

  • Google Maps è indispensabile, potete crearvi le Vs mappe con le cose da visitare facilmente a casa per poi averle sul telefono. In molti paesi vi calcola anche i percorsi con i mezzi pubblici, c’è anche l’opportunità di scaricare in offline intere aree.
  • TripAdvisor può tornare molto utile per la ricerca dei posti dove andare a mangiare.
  • Se volete memorizzare tutti i percorsi fatti, un’app che memorizzi le posizioni GPS da importare su Google maps una volta tornati a casa è indispensabile – ricordate che consuma un sacco di batteria, è bene avere un dispositivo dedicato, come un vecchio cellulare. Ci sono software che assegnano le coordinate alle fotografie fatte con dispositivi senza antenna GPS in automatico in base al tracciato memorizzato.

Tutto pronto? Mettete l’indispensabile nel bagaglio a mano

  • Macchina foto
  • battery pack
  • Adattatore di presa elettrica
  • caricatore USB
  • cavetti

e buona vacanza!

Il rispetto delle regole

Qualche giorno fa il nuovo Sindaco di Torino (che è figlia di un movimento politico che non mi piace, che sta facendo un sacco di cose che non condivido alla città e che non voterei mai) ha detto una cosa furba: la malasosta va combattuta (spero che La Stampa non tolga il video). Lo ha detto in termini molto semplici e condivisibili da tutti: se parcheggi male intralci il trasporto pubblico e ritardi lo spostamento di centinaia di persone, se parcheggi male manchi di rispetto a chi parcheggia lontano o aspetta per parcheggiare bene; guardate tutto il video. Le regole ci sono e devono essere rispettate, come dovrebbe essere garantita la certezza della pena. Poco dopo leggo sulla pagina satirica (ma non troppo) FB Chiara Appendino che fa cose questo post:

schermata-2016-11-13-alle-10-39-50

e penso che la gente abbia capito davvero poco. La città è fatta in un certo modo, creare parcheggi costa caro e sopratutto non si fa con la bacchetta magica in una giornata, quindi ci si deve adeguare. A San Salvario la soluzione l’hanno trovata: metà della zona di sosta è dedicata ai residenti, il resto ai clienti dei locali. C’è comunque un flusso di auto molto elevato, quindi:

  • Arrivi con adeguato anticipo
  • Parcheggi più lontano (quattro passi non hanno mai fatto male a nessuno)
  • Ti muovi con il servizio pubblico (prendere un taxi in 3 e dividere la tariffa della corsa costa meno che dividersi la multa)
  • Non ci vai

Fossi io al suo posto sarei ancora più cattivo. Spendere i soldi della multa è alla portata di tutti, rientra nel conto finale della serata, se invece, alla terza volta che ti beccano, ti bloccano l’auto in un deposito per 5gg il “disguido” inizierebbe ad essere davvero pesante (divieto di sosta, rimozione, deposito, mancanza di auto per andare a lavorare). Per la sosta su posto per disabili o intralcio del traffico/mezzi pubblici io non aspetterei neanche la terza volta, senza auto per 5gg, sicuro che non lo rifai.

E se abito in una zona dove di parcheggio ce n’è poco? Bel problema, concordo. La macchina è una spesa e lo è anche il suo ricovero, io ho un box, per il quale pago un affitto mensile. Quando ho cercato casa l’ho cercata anche valutando la possibilità di parcheggio, quando vivevo in una zona con poco parcheggio e senza box, dopo 30 minuti di giri andavo a parcheggiare a 15 minuti a piedi. Le soluzioni ci sono, anche se non si può rinunciare all’auto (nel mio contratto di lavoro devo essere automunito, pena la possibile perdita del lavoro).

Questa cosa a Torino dovrebbe essere fatta anche sul passaggio con il rosso agli incroci, altra piaga estesa, pericolosa e tollerata.

Nelle grandi città c’è traffico, c’è poco parcheggio, ci sono troppe auto e c’è inquinamento, se non piace si può sempre cercare casa fuori, ci sono i soliti pro e contro da valutare.

 

 

Sensore di temperatura WiFi

Nel progetto della domotica fai da me non può mancare un sensore di temperatura, in questo caso con alcune caratteristiche particolari, utili a metterlo in ogni punto della casa senza dover cablare o far passare fili in giro per casa.

Le caratteristiche che sono riuscito ad ottenere sono:

  • Economico
  • WiFi
  • Portatile, quindi a batteria con una durata decente senza dover cambiare pile ogni pochi giorni.
  • Interfacciabile con la mia centralina basata sul Raspberry Pi

La lista della spesa è veramente minima e prevede, purtroppo, lunghe attese, perché tutto in arrivo dalla Cina.

  • WeMos D1 Mini
  • Sensore DHT22 (questo shield non esiste più, quindi dovete ripiegare su DHT12 o SHT30, il codice potrebbe cambiare)
  • Contenitore per 3 pile AA
  • Scatoletta (ho usato delle vecchie scatole di plastica dei nastri di backup LTO che ho trovato a mucchi in un magazzino in ufficio, ma se volete essere veramente pro, potete farvi stampare una scatola 3D da Freelabster)

La scheda WeMos D1 mini è basta su ESP8266, un microcontrollore tipo Arduino, ma con alcune caratteristiche che lo rendono davvero interessante.

Innanzitutto costa poco, con 4€ ci si porta a casa il processore, il modulo per alimentarlo e programmarlo via MicroUSB e tutta l’elettronica necessaria, poi è WiFi, di serie, senza nessun tipo di difficoltà a collegarlo alle reti casalinghe, ha la funzione di deep sleep, durante la quale non è attivo e consuma 0,3mA, questo lo rende perfetto per essere alimentato a batteria; in ultimo, ma non meno importante, si programma tramite l’IDE di Arduino, quindi il tutto è davvero semplice, se si ha già conoscenza della programmazione di Arduino.

Ho scelto la WeMos perché produce anche dei piccoli shields con sensori e altri dispositivi piccoli (relè, display OLED, …). Un po’ di pratica con il saldatore ed è possibile avere il proprio sensore di temperatura che occupa circa 2 cc (sì, è davvero piccolo!)

La parte di assemblaggio hardware è davvero banale: si saldano i pin sulla D1 e si saldano gli altri pin sullo shield, poi si collegano tra di loro. Fatto. Anzi, no, serve una saldatura aggiuntiva che colleghi tra di loro il pin RST e il pin D0 sullo shield con il sensore della temperatura.

img_2232
Saldare D0 a RST (attenzione, che se la piedinatura cambia dovete seguire i nomi dei pin e non la posizione che vedete in foto)

A cosa serve questo collegamento? E’ assolutamente necessario per il ciclo di deep sleep. Quando si impartisce il comando per questa specie di ibernazione, c’è un contatore interno che consuma molto poco e dà il segnale di reset al pin D1 al termine del conteggio, collegando il pin D1 al pin di reset questo sveglierà la scheda che riprenderà il suo lavoro, come appena accesa.

Perché devo saldarlo sullo shield? Perché quando questi due pin sono collegati tra loro è impossibile scrivere il programma nel microcontrollore, quindi quando si deve aggiornare il codice lo shield può essere tolto, così non ci saranno problemi.

L’alimentazione può essere fornita tramite 3 pile stilo AA alcaline o ricaricabili. messe in serie. Se alcaline, la tensione in uscita sarà 1,5×3 = 4,5V, se ricaricabili 1,2×3 = 3,6V (sapevate che le pile ricaricabili sono da 1,2 e non da 1,5?), la scheda funziona a 3,3V e ha un regolatore di tensione che le permette di funzionare anche con i 5V della USB, pertanto fornire un po’ più di 3,3V permetterà al tutto di funzionare adeguatamente.
Ho fatto un po’ di prove è sono giunto alla conclusione che i fili nero e rosso che escono dalla scatolina delle batterie possono essere saldati sulla scheda D1 Mini ai pin 5V (il rosso) e GND (nero). Con 3 pile stilo ricaricabili da 2000mAh sono arrivato a fare più di 6,500 letture (circa 90gg con una lettura ogni 20 minuti).

Dove saldare i cavetti delle batterie, attenzione alla polarità!
Dove saldare i cavetti delle batterie, attenzione alla polarità!

Il codice, che trovate come sempre su GitHub è molto banale e si può riassumere con i seguenti passi

  1. Attiva WiFi (mettete qui la vostra rete e la password, solo reti 2,4GHz)
  2. Attiva la comunicazione con il sensore DHT22
  3. Effettua la lettura (il sensore è lento, ci va un delay per attendere il risultato)
  4. Scrive la lettura chiamando il server web (quello fatto sulla centralina, se non ve lo ricoardate, andate a vedere il post relativo) che la memorizza
  5. Va in ibernazione per 10 minuti (ma potete mettere il tempo che più vi piace) per poi ricominciare dal punto 1

Nel codice, al momento della scrittura del valore sul DB, c’è il parametro della stanza, così, avendo più sensori sparsi per casa, si può avere l’andamento della temperatura in ogni stanza. Ho dovuto faticare un po’ per la creazione del link http per scrivere i dati nel DB.

Scrivere il codice tramite l’arduino IDE è banale, basta seguire la semplicissima guida per abilitare la scheda, scegliere il dispositivo D1 mini (con me ha funzionato quello indicato come “retired”) e usarla esattamente come Arduino. Con il Mac non ci sono riuscito, ho fatto tutto con un PC Windows 10.

Se invece volete creare un qualunque altro sensore che misuri il parametro ad intervalli regolari (umidità, gas, pioggia, acqua nella terra delle piante, allagamento, …) basta sostituire il DHT22 con il relativo componente e studiare come interfacciarlo con l’ESP, solitamente ci sono librerie per ogni tipo di sensore.

Il viaggio in Madagascar

Ci siamo sposati e abbiamo deciso di fare il nostro viaggio di nozze in Madagascar, raccolgo qui un po’ di note e pensieri, che potrebbero tornare comodi a chi volesse intraprendere un viaggio simile. Leggi tutto “Il viaggio in Madagascar”

Oggi ci sposiamo!

Un anno fa, al Castello di Tintagel (UK), quando mi disse di , questo giorno ci sembrava così lontano, “abbiamo un sacco di tempo per preparare tutto” dicevamo, con gli occhi che brillavano, su questa scogliera maestosa sull’oceano.

Vale e Fra a Tintagel
Un anno fa a Tintagel

Un anno di preparativi è volato ed eccoci qui, marito e moglie, pronti ad affrontare la nostra vita insieme!

(La bellissima foto degli anelli è di Valentina, mia moglie)

La Locanda del Silenzio, Macra (CN)

Ogni tanto ci capita di fare qualche fine settimana in giro, cerchiamo di non andare sempre nei soliti posti e questa volta ci siamo spinti oltre i confini della provincia di Torino (o come la volete chiamare).

Abbiamo aperto Booking e abbiamo cercato gli alberghi per zona, siamo capitati sulla pagina della Locanda del Silenzio, la cosa ci è piaciuta e, visto che è bene dare tutti i soldi del turismo in Italia, abbiamo chiamato direttamente il posto per fare le prenotazione (un po’ come quando vai nel negozio di scarpe, te le provi e poi le ordini su Amazon). La comunicazione si è spostata via mail, grazie alla gentilezza e disponibilità del proprietario. Insomma, dopo qualche mail abbiamo prenotato per due notti.

L'ingresso della locanda, con le montagne a fare da cornice
L’ingresso della locanda, con le montagne a fare da cornice

Leggi tutto “La Locanda del Silenzio, Macra (CN)”

Satispay

Premessa: questo non è un articolo sponsorizzato, solo il link al termine, se lo usate per registrarvi, mi regala 5€.

Ho installato Satispay appena uscito, mi pare due anni fa, perché tra tutte le startup di trasferimento di denaro mi pareva la più promettente (tutto merito dell’ascolto del podcast di 2024). Odio girare e usare il contante, fosse per me pagherei sempre con il bancomat, anche il caffè al bar, ma gli attuali sistemi elettronici hanno commissioni troppo elevate per rendere questa cosa vantaggiosa per i negozianti.

Come funziona Satispay?

Facilissimo: si installa, si sceglie un PIN e si fornisce loro l’IBAN, questo li autorizzerà a creare un RID sul vostro conto (come una bolletta, per capirci) per prelevare e depositare denaro. A questo punto si deve scegliere un budget settimanale che può essere usato per fare acquisti, la prima volta l’importo viene prelevato dal conto e reso disponibile nell’app, così si può spendere. Essendo un movimento di tipo SEPA non è istantaneo come una carta di credito, ma dopo un po’ di utilizzo questo ritardo non si patisce, a patto di avere un budget adeguato alle spese.

Ogni settimana il budget verrà ripristinato al valore scelto, visto che si possono anche ricevere soldi dagli altri, il ripristino potrebbe anche essere un bonifico sul conto.

Sì, se i vostri amici hanno l’app potete trasferire denaro tra di voi istantaneamente e senza costi, come quando si va a cena insieme “io ho 50€, io posso darti 3€ in moneta, a me serve il resto di 42 centesimi, …”, insomma una comodità al di là dell’immaginabile.

Ogni trasferimento tra amici è gratuito, il pagamento nei negozi convenzionati è gratuito, le attività SEPA sul conto corrente bancario sono gratuite, a meno che non abbiate una banca particolarmente antipatica. L’unica persona coinvolta nelle transazioni che deve sostenere un costo è il negoziante, ma solo per importi superiori ad una certa cifra, mi pare 10 o 20€, quindi se pagate un caffè lui non avrà commissioni e accetterà il pagamento senza problemi.

Il problema iniziale erano i negozi convenzionati: nessuno o quasi. Il mio budget di 20€ è rimasto lì fermo per un sacco di mesi, poi, finalmente, Satispay ha iniziato a fare una campagna pubblicitaria molto importante (ho sentito che ha ricevuto un cospicuo investimento) convenzionando un sacco di negozi, adesso lo uso più spesso con grande soddisfazione.

L’utilizzo dell’app è rapido ed intuitivo, la transazione avviene in meno di un secondo, ovviamente dovete avere connessione dati sullo smartphone per poter inviare denaro. Trasferire denaro in questo modo batte in velocità qualunque altro metodo, carte o contanti, che prevedono l’estrazione del portafogli dalla tasca e la ricerca della scheda o del denaro, aspettando il resto (e i maledetti centesimini). Siamo andati a “C’è Fermento” a Saluzzo qualche settimana fa e non abbiamo neanche fatto coda per entrare, c’era la corsia dedicata.

E’ gratis, se lo attivate vi regalano 5€ (4 caffè, non male, direi) e potete farlo da questo link

Fotografare le Frecce Tricolori

Domenica prossima (03/07/2016) alle 18 ci sarà l’esibizione delle Frecce Tricolori sui cieli di Torino, da quel che ho visto ieri nelle prove, lo spazio usato per le loro splendide esibizioni è vasto, quindi saranno visibili da gran parte della città. Se volete fare qualche foto, questi sono i miei consigli da fotografo assolutamente NON professionista.
  • con la reflex è meglio
  • procuratevi una scheda di memoria capiente, veloce e vuota (farete tante tante foto)
  • batterie cariche (più di una è meglio)
  • usate un obiettivo sufficientemente lungo (da 200mm in su, volano molto alte, io uso un 120-400 che mi permette di fare buone foto anche quando si avvicinano)
  • regolate l’ISO in automatico (se c’è il sole starà stabile a 100, se è nuvolo sarà alto, ma meglio una foto un po’ sgranata che mossa)
  • impostate la macchina a priorità di tempi con lo scatto a 1/1000 (volano, non è una natura morta)
  • abilitate la modalità raffica veloce (in una raffica di 20-30 scatti troverete sicuramente la foto giusta)
  • impostate le foto in JPG e non in RAW (ne farete tante, il JPG occupa meno e potete fare raffiche più lunghe senza sovraccaricare la macchina e avere rallentamenti dovuti alla scrittura sulla scheda)
  • impostate l’autofocus in modalità continua sul singolo punto centrale (mette continuamente a fuoco quello che sta guardando, così non perdete quel mezzo secondo che vi farà perdere la scena
Non resta che puntare i velivoli, quando la scena vi piace, via con la raffica!
Nota 1: fate qualche prova prima, giusto per non arrivare a fine esibizione e cestinare 1500 scatti
Nota 2: alcune esibizioni sono belle da vedere senza un obiettivo davanti (la caduta libera dopo lo stallo, il volo sconclusionato rasoterra, il cuore con l’aereo che passa in mezzo, …), ogni tanto lasciate la macchina ferma e godetevi lo spettacolo

Registrare i dati dei sensori in giro per casa

Sempre parlando del mio progetto di domotica fai da me, vi presento oggi le poche righe di codice necessarie per memorizzare i dati dei sensori che spargerò per casa (per la gioia di mia quasi moglie!).

L’obiettivo è rendere disponibile un server web che memorizzi i dati passati con una GET http, così da scrivere il codice dello sketch del sensore per registrare il dato in questo modo:

http://[ip_server]:[porta]/?variabile1=valore1&variabile2=valore2

Questo tipo di chiamate si possono generare molto facilmente con Arduino (a patto che abbia una connessione di rete) o con ESP8266.

Oltre al server che recepisce i dati, serve anche un posto dove memorizzarli, per questo ho installato SQLite sul mio Raspberry, un motore di DB leggero, veloce e semplice da usare con Python. Leggi tutto “Registrare i dati dei sensori in giro per casa”

Lettura istantanea del consumo di corrente

Attenzione! Non sono responsabile per qualunque danno fisico (ustione, folgorazione, ...) o materiale (incendio, corto circuito, ...) possa accadere mentre cercate di riprodurre tutto il progetto o solo in parte! Non ho alcuna sponsorizzazione dai produttori e rivenditori a cui faccio riferimento nel post.

Questo progetto fa parte del più grande lavoro della domotica fai da me ed è stato nominato come “gingillo del giorno” in Digitalia, episodio 324

Prima di partire vorrei sottolineare che questo progetto è un po’ complesso e vi porta ad armeggiare intorno alla 220V di casa, quindi ci va attenzione e servono un po’ di basi di programmazione, impianti elettrici, saldatura. Ho usato componenti vecchiotti, potrebbe essere necessario comprarne di diversi e per questo adattare programmazione e collegamenti, se siete alle prime armi fatevi aiutare, ad esempio, in un FabLab (se non sapete cos’è un FabLab ne abbiamo parlato diffusamente in questa puntata di GeekCookies)

Negli alloggi moderni il contatore della corrente elettrica non è in casa, ma in cantina, se aggiungiamo che gli elettrodomestici moderni consumano parecchio, mi è capitato spesso, causa disattenzione, di dover correre in cantina a tirare su la leva del contatore perché avevo fatto partire lavastoviglie e forno. Quando salta la corrente si spegne anche il router, il PC e una serie di altri dispositivi (ho poi messo vari UPS in giro per casa), insomma, una gran scocciatura.

Un altro utilizzo interessante è accendere i singoli dispositivi che avete in casa per capire esattamente quanto consumano. Ho scoperto che la lavatrice consuma molto, ma solo per metà del ciclo, inoltre consuma di più quando muove lentamente il cestello piuttosto che quando fa la centrifuga. Ho scoperto che i 250W della lampada alogena richiedono un’immediata sostituzione con una a LED e che lavorare con il Mac consuma circa 250W. Spegnere con un interruttore TV, console, BluRay e compagnia quando non li uso mi fa risparmiare 7-8W (fate due conti sull’anno intero) e che ho un consumo “di fondo” (tutto spento, tranne i router, il frigo, il sensore stesso, il mio server) di circa 150W.

Leggi tutto “Lettura istantanea del consumo di corrente”

Arduino Day 2016 – Qualche riflessione

Sono andato all’Arduino Day 2016 che si è svolto a Torino al FabLab che è proprio sotto alle Officine Arduino. La concomitanza con il WordCamp torinese proprio lì a fianco (due eventi così, lo stesso giorno dello stesso isolato) ha fatto sì che gli spazi fossero limitati al FabLab.

Cinque makers (sì cinque!), qualche progetto, dei quali uno già visto ad una Mini Maker Faire e un po’ di persone con cui chiacchierare. Solito ambiente di (pochi) nerd e poco più.

Leggi tutto “Arduino Day 2016 – Qualche riflessione”

Lo smartphone ci fa male

No, non parlo di onde elettromagnetiche.

Ho fatto un viaggio in treno di circa 6h e ho notato una cosa, presente già adesso ovunque, che mi ha fatto riflettere molto (oltre che istigato all’omicidio di massa, ma ho resistito).

Viviamo (mi ci metto dentro anche io) in un mondo fatto di display LCD dentro cui ci tuffiamo o che siamo pronti a prendere ad ogni piccola notifica, incuranti di dove o con chi siamo.

Leggi tutto “Lo smartphone ci fa male”

Piero

Piero: nome proprio di persona, talvolta utilizzato come sinonimo di “italiano medio”, come nella canzone di Cristicchi

Ero in coda alle poste, dove si ritirano le raccomandate, assieme ad almeno altre quaranta persone. in questi casi, come dal medico, c’è chi attacca bottone, chi risponde, chi si lamenta e così vengono fuori i soliti luoghi comuni. E così si sente un uomo che dice “Da Taranto a qui, nello stesso giorno mi hanno preso 8 volte con il tutor”.

Otto volte con il tutor. Otto.

Leggi tutto “Piero”

Il ransomware e qualche riflessione

Ho già scritto come proteggersi dal ransomware, ma non ho affrontato la questione delle grandi aziende. Il caso dell’ospedale americano che ha pagato 40 Bitcoin di riscatto mi ha fatto pensare molto alle persone alle quali le grandi azienda danno in mano i loro dati.

Da molti anni ormai l’esistenza delle aziende è legata indissolubilmente ai loro dati che sono memorizzati su piattaforma digitale. Tutto, la fatturazione, la produzione, le cartelle cliniche, … Chi ha ancora tutto su carta non è destinato a sopravvivere, oltre al fatto che avere a che fare con la Pubblica Amministrazione obbliga ad avere i dati in formato digitale. E per gli sponsor della carta vorrei ricordare aziende andate a fuoco o a mollo

Leggi tutto “Il ransomware e qualche riflessione”

Perché usare l’autenticazione a due fattori

Internet è un posto pericoloso, l’autenticazione a due fattori forse lo rende meno user friendly, ma aumenta tantissimo la sicurezza. Cercherò di essere breve e semplice, convincendovi ad utilizzarla per più servizi possibili su Internet.

processo autenticazione a due fattori

Partiamo dall’inizio.

Leggi tutto “Perché usare l’autenticazione a due fattori”

Si invecchia

Ehi, gli “anta” si avvicinano!

Il mio programma elettorale

No, non voglio entrare in politica, la cosa mi farebbe parecchio ribrezzo, visto quel che sento di quell’ambiente. Però vivo in uno Stato dove le leggi non sono proprio a tutela del cittadino e sicuramente non aiutano a vivere in modo semplice.

Ecco, in un ipotetico mondo dove io potrei candidarmi, questo sarebbe il mio programma a grandi linee; sicuramente non coprirebbe tutte le necessità nella nostra Italia, ma magari ci farebbe vivere un po’ meglio.

Leggi tutto “Il mio programma elettorale”

Come proteggersi da TeslaCrypt e ransomware vario

Un post di poche (vabbè, ci speravo, dai) parole e tanti contenuti. Lo faccio per voi, poi non ditemi che non vi avevo avvisato. Vi spiego come proteggersi da TeslaCrypt e ransomware vario, che stanno arrivando a ondate in tutte le mail.

Vi arrivano queste mail che sono scritte bene e all’apparenza arrivano da mittenti conosciuti (Enel, vostri amici, corrieri,…), dentro c’è un allegato Office. Nell’allegato Office c’è una macro che scarica un malware che si attiva e passa in rassegna tutti i file del vostro PC (e se ce li avete, della rete, del NAS e dei dischi USB collegati). Prende ogni singolo file, lo cripta e vi impedisce l’accesso. Poi lascia un messaggio in varie copie in ogni cartella dove, banalmente, c’è scritto “se vuoi riavere i tuoi file devi pagare”. Ed è vero, non c’è molto da fare. Avete un backup o pagate (oppure, ovviamente, perdete tutti i dati).

Quindi torniamo indietro nel tempo, prima dell’arrivo di questa mail. Ecco cosa dovete fare, in pochi e semplici passi.

Compratevi un disco esterno sufficientemente capiente. Spendete 100€, se serve. I vostri dati valgono più di 100€, non ho dubbi. Non potete tornare a fare la foto a New York dieci anni fa quando vostro figlio nel passeggino stava divorando un hot-dog preso al carretto per la strada.

Cercate un programma che faccia il backup di tutti i vostri dati, ce ne sono un’infinità, anche gratuiti. Fate anche il backup dentro alle cartelle di Google Drive, Dropbox e simili, che doverli recuperare a mano singolarmente diventa lunga davvero..

Collegate il disco e fate il backup, al termine staccate il disco e mettetelo in un cassetto. Ho detto staccate, quel disco non va lasciato collegato al PC.

Adesso impostate un allarme sul vostro smartphone o scrivetevi sull’agenda “tutti i lunedì sera attacca il disco e fai il backup, poi staccalo”. Ripetete tutte le settimane dell’anno e tutti gli anni. Durante il backup non scaricate mail e non aprite allegati strani.

Ogni tanto, ad esempio una volta al mese, prendete il disco e provate a recuperare un po’ di file, perché un backup ben fatto è un backup dal quale si recuperano i dati.

Ogni 3 anni cambiate il disco.

E se vi accorgete di aver preso il virus? Anche qui decisi e senza paura:

  • Staccate subito la corrente al PC, lo avete perso. Spegnerlo subito permette di salvare i file della rete
  • Verificate, con un altro PC, che i dati sul NAS o sui dischi esterni siano salvi
  • Formattate il PC e rimettete i dati dal backup. Se non sapete come fare chiamate il vostro tecnico di fiducia.

Ad occhio le seguenti categorie dovrebbero essere salve (ma mai dire mai, occhi aperti sempre):

  • Computer con MacOS
  • Computer con Linux
  • Computer con le macro di Office disattivate

Internet è una giungla ed è pericolosa, a volte stare attenti non basta, quindi bisogna essere preparati.

Pagare da Q8 con PayPal

Ho aggiornato il post il 15/02/2016

Ho visto il cartello: è possibile pagare da Q8 con PayPal, posso quindi fare benzina senza usare il bancomat, ma solo con il telefono cellulare. Interessante. Mi sono registrato e ho provato.

Solitamente non sono un affezionato delle tessere fedeltà, raccolte punti e simili. Ho smesso quell’anno che dopo aver fatto spese davvero pazze da MediaWorld ho ricevuto in premio una pinza multiaccessoriata del valore di 3€.

Ma al distributore Q8Easy ho visto il cartello facendo benzina “puoi pagare il tuo rifornimento con PayPal”, uso PayPal da sempre e mi è parsa una buona idea, così mi sono registrato dopo aver scaricato l’App sul telefono e l’ho collegata il mio conto PayPal (che è a sua volta collegato con mio Conto Corrente bancario).

Logo Q8Easy

Ho fatto benzina per la prima volta con il nuovo sistema, la procedura è semplice, ma un po’ più lunga del bancomat.

  1. Aprire l’app e chiedere un codice di autorizzazione (se si abilita, è possibile memorizzare le credenziali PayPal in modo che non vengano chiesta, ma, attenzione, se non avete un PIN serio sul telefono questo può essere un rischio)
  2. Scegliere l’importo massimo
  3. Alla macchinetta del distributore Q8Easy inserire il codice fornito dall’app che è valido per 24h
  4. Fare rifornimento (massimo 100€/giorno o 150€/settimana)
  5. Fine

Il grosso vantaggio è che il codice potete ottenerlo anche a casa (al massimo 10 minuti prima di fare il primo rifornimento), velocizzando tantissimo le operazioni al distributore. Se dovete fare rifornimento a due vetture, lo fate lo stesso giorno con lo stesso codice sullo stesso distributore. Ancora meglio, avete qualcuno che deve fare rifornimento ed è senza portafogli, generate il codice e gli mandate un messaggio.

Il problema (pensavo che lo fosse), che non è evidenziato da nessuna parte (o almeno non l’ho visto delle caratteristiche del sistema), è che PayPal addebita subito tutto l’importo preautorizzato sul conto e se fate meno carburante (io lo faccio sempre, so che il mio pieno è meno di 50€, preautorizzo 50€) tutto il credito non ustilizzato resta sul conto PayPal e non sul Conto Corrente. Questo però decade a fine giornata e l’addebito reale sul Conto Corrente (o sulla carta di credito) è poi la cifra effettivamente spesa al distributore. Ho aspettato 2 giorni prima di scrivere l’articolo, a causa di questo dubbio.

Nessuna spesa aggiuntiva, è una cosa davvero interessante!

Nota conclusiva: non sono stato pagato da nessuno dei due marchi citati nell’articolo, è una mia spontanea recensione del servizio