I corsi di guida sicura

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 3 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi.

Oggi ho partecipato ad una giornata di corso di guida sicura pagato dalla Regione Piemonte, per autisti di mezzi di soccorso, dalle 9 alle 17.30 nella pista di guida sicura a Susa.

Il commento finale è: esaltante! Il secondo è: deprimente!

Mi spiego meglio. Dopo una mezz’ora di teoria sulla dinamica delle vetture (forze che agiscono sugli pneumatici, video di manovre di emergenza di esempio, …) siamo andati in pista e abbiamo provato di persona sulle ambulanze (purtroppo le peggiori del mio Comitato Locale CRI) le manovre di emergenza che abbiamo visto nel video.

Sbandata: a 35Km/h il veoicolo passa su una pedana che ti fa “scodare”, il tutto su superficie bagnata e a scarsa aderenza: tentare il recupero della sbandata con il controsterzo e successiva (o contesutale) frentata

Frenata in discesa: a 40km/h in discesa su suolo viscido, con ABS: 40m di frenata, fa riflettere

Rotonda, sempre viscida: cercare il sottosterzo aumentando la velocità per poi controllarlo. A 30Km/h l’ambulanza perde aderenza, la curva era come una banale rotonda.

Distanza di sicurezza con frenata sul bagnato. Fa riflettere moltissimo frenare quando l’altra auto (in un’altra corsia) frena e tu virtualmente la distruggi.

Frenata di emergenza con scarto ostacolo a 40Km/h

Perchè esaltante? Perchè mi sono divertito come un matto a tentare di recuperare il mezzo in condizioni critiche (nella massima sicurezza) e ho imparato una serie di cose che conoscevo solo in teoria, altre cose non le sapevo proprio.

Perchè deprimente? Perchè quando esci da una scuola guida con una patente in mano ti hanno insegnato di mettere le mani a 10:10 e non a 9:15 (perché? perchè le prime auto con cui si faceva scuola guida avevano le razze a “V”), perchè non ti hanno mai fatto provare una frenata di emergenza con e senza ABS su asciutto e bagnato, perchè nessuno ti ha mai parlato di comportamento dinamico della vettura e aderenza, perchè la non ti hanno detto “guarda che 50Km/h sono circa 14 metri al secondo” e pensata così la velocità fa più paura, perchè nessuno ti ha detto che se a 50Km/h ti fermi in 20 metri, a 100 (il doppio) di metri ne servono 80 (il quadruplo)

Prima di prendere la patente, tutti dovrebbero passare una giornata di questo tipo (costa 270€, contro 800€ di una scuola guida per il corso completo) per arrivare un po’ più preparati sulla strada. Per questo, per i neo-patentati il corso è gratuito fino a fine anno. Se sei un neo-patentato, potresti averne il tempo, e non ci vai, sei un fesso 🙂

3 pensieri riguardo “I corsi di guida sicura”

  1. Ma in quale scuola guida 6 andato?
    A) Mani alle 10.10: se vai dritto, la posizione è corretta, a prescindere dal corso di guida. Prova ad andare dritto con le mani alle 9.15: quella sarà l’ultima ora che vedrai
    B) Prova a disinserire l’ABS su un’auto per scuola guida. Quando avrai trovato il modo, la patente sarà già stata sostituita da nuove tecnologie
    C) I calcoli di velocità, distanza percorsa e tempo prescindono dalla scuola guida: sono appannaggio della calcolatrice
    D) 270 € nel nuovo anno sono una bella cifra. Propongo che il corso venga regalato a tutti i neopatentati da qui all’eternità: pronti a pagare per questo tutti gli altri. Anche i volontari…

  2. Mi sono riletto tutto il post per capire se avessi scritto qualche fesseria stratosferica, ma non mi pare.
    Le mani a 9:15 sono così: , perchè dici che non sono sicure?
    A scuola giuda dovrebbero, a mio parere, almeno farti provare le frenate di emergenza in un posto sicuro, per una macchina senza ABS basta avenrne una vecchia o andare da una elettrauto 😉
    I calcoli vanno bene fatti sulla calcolatrice, ma qualche numero nella realtà porta a riflettere un po’ (velocità doppia, spazzi di arresto quadrupli).

  3. Eh sì, quando ci vuole… ci vuole. Che cosa? Chiedere scusa. Ed ora ci vuole.
    Se il dubbio iniziale riguardava la scuola guida frequentata, qui sembra più grave. E’ necessario che chi scrive debba recarsi il prima possibile da un orologiaio.
    Ce ne sono ancora? Speriamo…

Nota importante, da leggere prima di commentare

Questo è un blog scritto per passione, non fornisco quindi risposte di tipo professionale, se avete bisogno di un aiuto tecnico rivolgetevi ad un professionista di fiducia, non offendetevi se mi astengo dal rispondere. Vi ringrazio per la comprensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.