Sensore di temperatura con batteria LiPo

Questo post fa parte del progetto La Domotica Fai-da-me, è l’evoluzione del sensore di temperatura a batteria, lo migliora in tre punti fondamentali:

  • Il sensore è un SHT30 e non un DHT22, questo sensore è molto più preciso ed affidabile, oltre che lavora su bus I2C ed è semplicissimo da interfacciare
  • La batteria è una LiPo, collegata allo shield apposito, dovrebbe durare molto di più ed è più piccola del kit di tre pile stilo AA che uso adesso.
  • La trasmissione dei dati è basata su MQTT e non più su http (dovrei aver ridotto il consumo vita la leggerezza del protocollo)

Il post esce quando il sensore è operativo da meno di un mese, l’effettiva durata della batteria l’ho provata abbassando il periodo di deep sleep da 30′ a 4”. Il sensore ha inviato la lettura circa 25000 volte prima che la batteria si scaricasse. A una lettura ogni mezz’ora fa una durata stimata di più di 3un anno. Non male, le tre stilo della versione precedente durano meno di 3 mesi.

La lista della spesa (da prendere con le pinze, le schede cambiano e si aggiornano, se trovate schede aggiornate potreste aver bisogno di fare saldature diverse o cambiare leggermente il codice).

Come per tutti gli altri progetti è necessario saldare i connettori sulle schede, io ho messo, in ordine dal basso verso l’alto:

  • Scheda D1 Mini (sotto a tutte)
  • Shield batteria (in mezzo)
  • Shield SHT30 (in alto, all’aria aperta)
Questi sono i piedini da saldare sulle tre schede (in foto c’è la D1 Mini Lite, ma la cosa funziona anche con la standard)
I PIN devono essere saldati in questo modo sulle tre parti.
Il sistema intero montato e operativo (si vede che il connettore della batteria non combacia con quello della scheda?)
Leggi tutto “Sensore di temperatura con batteria LiPo”

La mobilità sostenibile, è davvero sostenibile?

Passeggiando al parco mi è venuto in mente “ma se io prendessi un bicicletta e andassi l lavoro con quella più il bus?”

Attualmente lavoro in un’azienda fuori Torino, il percorso da bicicletta, oltre ad essere lungo (15Km), attraversa delle strade un po’ pericolose, quindi ho pensato:

  • vado in bici fino alla fermata del bus
  • piego la bici, prendo il bus fino alla fermata più vicina all’ufficio
  • vado in bici nell’ultimo km che mi separa dall’ufficio
  • piego la bici e la posto in ufficio.

Ho fatto un po’ di calcoli economici.

L’attuale tragitto in auto è lungo 20Km, il costo al Km è di circa 0.06€, per un totale di 2,40€ al giorno. Contando 48 settimane lavorative all’anno, fa 576€ di carburante. Sono poco meno di 10.000Km, quindi 1/3 del tagliando che costa circa 300€, quindi ci metto anche, per eccesso tra tagliando, gomme e altro, 200€ di manutenzione. Alla fine andare in ufficio con l’auto mi costa 776€ all’anno. Non conto svalutazione, bollo e assicurazione, perché anche se non andassi in auto al lavoro, non la venderei e la userei per altre attività.

Una bicicletta pieghevole degna di tale nome (Brompton) costa circa 1.200€. L’abbonamento GTT per arrivare fino a dove serve a me costa 508,50€/anno.

Con il solo abbonamento (quindi senza usare la bicicletta), risparmierei 776-508,50 = 267,50€. Ammortizzerei la spesa della bicicletta in 1200/267,50 = 4,5 anni.

Il tutto a patto di andare sempre al lavoro in bici, anche con pioggia, neve e gelo.

L’abbonamento si può scaricare al 19% sull’IRPEF. Quindi posso togliere dal mio redito lordo circa 97€. facendo un conto rapido e poco preciso, se la mia aliquota IRPEF è del 27% con un reddito lordo di 20.000€/anno risparmierei circa 26€.

Poi ho fatto un po’ di conti di tempo.

Attualmente, pur con il cantiere più grosso del mondo (esagero, ok) sul percorso casa-lavoro, per il tragitto casa-lavoro ci impiego 35 minuti ad andare a 50 a tornare per un totale di 1h25′. In un anno fanno 340h.

In un calcolo spannometrico, per andare con l’autobus ci metterei 2h15′ al giorno (al netto delle attese in fermata, ma non le contiamo). In un anno fanno 540h. La differenza è di 200h.

Ognuno dà un valore soggettivo al proprio tempo e chiedere ad una persona “quanto valuti in valore economico una tua ora?” non produrrà certamente un valore, ma un bel “boh!”. Se lo chiedete ad un professionista lui vi dirà istantaneamente il valore netto che guadagna in un’ora di lavoro (la metà di quel che fattura al netto dell’IVA, a spanne). Facciamo un professionista medio che chiede 40€ all’ora se ne mette in tasca 20. In 200 ore fanno 4.000€ in un anno.

Fatti questi conti a me risulta che la mobilità sostenibile non è affatto sostenibile per il portafogli e neanche per il tempo.

le cose cambierebbero se si rinunciasse al possedere un’auto, ma non avere l’auto, almeno a Torino nel 2019, è impossibile.

  • Andare a fare la spesa sarebbe impossibile, dove abito io non ci sono supermercati decenti a portata di piedi
  • Alzarsi e pensare “oggi andiamo a farci un giro in montagna” sarebbe improponibile, se non con adeguata pianificazione e con possibilità limitate.
  • Pensare a un qualunque spostamento al di fuori della città diventerebbe molto complicato.

A chiusura di tutto questo, alcuni dettagli del mio lavoro mi impediscono di poter pensare di non avere l’auto (sono un consulente, mi potrei dover spostare in luoghi diversi con preavviso di meno di un giorno, non tutti facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. E soprattutto non potrei portarmi 40 tablet o 2 stampanti o 15 PC in bicicletta o sul bus. Senza dimenticare che capita di entrare alle 8:30 dal cliente e uscirne in un orario compreso tra le 18 e le 24. E se sei con i mezzi, che fai?

Vorrei poter riprendere questo post tra due anni e cambiare i conti in modo tale che almeno tempo e soldi tra auto di proprietà e servizio pubblico + bicicletta siano comparabili.

Maker Faire Roma 2018 – il giorno dopo

Devo ancora finire di smaltire la stanchezza e i Km, ma alla fine sono molto soddisfatto di come sia andata la fiera. Sicuramente nei prossimi giorni potrò essere un po’ più preciso e prolisso, ma a conti fatti è stata una gran bella esperienza.

Ho incontrato centinaia di persone, ho raccontato centinaia di volte come funziona il mio progetto, da dove è partito, come mai non lo vendo.

In molti mi hanno dato nuove idee o spunti, altri erano interessati a collaborazioni professionali, ho ricevuto moltissimi complimenti sull’idea e sulle modalità di implementazione.

Ho finito 400 bigliettini da visita (no, 397, che 3 me li sono tenuti) e circa 500 depliant, al punto che a fine mattinata di domenica ho dovuto dire di fare la foto all’ultimo depliant rimasto sul tavolo per prendere le informazioni. Ho finito la voce, ovviamente.

Molti amici di Twitter e ascoltatori dei podcast sono passati a fare un saluto, ne sono rimasto davvero felice.

Ho qualche decina di follower in più su Twitter e un sacco di reazioni, like e commenti, non sono mica abituato a tutta questo movimento.

Grazie a tutti, davvero!

Adesso del progetto La Domotica fai-da-me cosa ne faccio? Vado avanti, lo miglioro e o rendo più fruibile. Nei 700 Km in auto da Roma a Torino ho già progettato tutte le migliorie che potrei fare (durante le notti insonni, ovviamente, come ogni Maker/Nerd che si rispetti.

All’interno del sito manca un po’ di documentazione (sigh!) per poter fare il progetto completamente in autonomia, nei prossimi giorni aggiorno e pubblico tutte le modifiche e le novità.

Roma Maker Faire 2018

Spoiler per chi non ha voglia di leggere tutto lo sproloquio: espongo il mio progetto La Domotica fai-da-me alla Maker Faire di Roma dal 12 al 14 Ottobre 2018!

L’esperienza della Torino Mini Maker Faire 2018 mi ha in qualche modo esaltato, è passata un sacco di gente, in molti hanno chiesto e si sono mostrati interessati. Ho persino trovato nuovi contatti professionali. Insomma, un sacco di energia spesa (dopo i 2 giorni ero completamente morto) con un ritorno assolutamente inaspettato.

Due giorni dopo mi sono accorto che c’era la call per i maker per partecipare alla Roma Maker Faire.

Nel nome manca il “mini”, questo perché è organizzata direttamente dall’ente Maker Faire ed è una fiera europea.

Ho presentato la candidatura e, inspiegabilmente (no, non avevo pensato che potesse succedere), mi hanno accettato.

Quindi ho rispolverato la casetta presentata a Torino, l’ho portata ad arredare, così che adesso è molto più gradevole alla vista, e ho ripreso tutto il progetto.

Tutto questo per dire che da venerdì 12/10/2018 (al pomeriggio) fino a domenica 14/10/2018 sarò presso la Fiera di Roma con il mio progetto in uno stand tutto mio.

Quindi, se volete, vi aspetto numerosi!

Visto che bello il nuovo logo che mi ha fatto Alex?

Con l’occasione ho rivisto la pagina relativa al progetto, con più dettagli e spiegata in modo più chiaro. La trovate anche direttamente al dominio www.ladomoticafaidame.it.

A breve pubblicherò anche la revisione dei post con l’aggiornamento dei componenti e del codice (se siete abbonati al feed avrete le notifiche come di consueto).

Sto lavorando a degli e-book che permettono anche a chi non è esperto, di creare il sistema a casa propria. Riceverete news anche su questo. 

La smetto e vado a prepararmi, che qui c’è un’ansia che non si spiega.

Partecipare ad una fiera

Scrivo questo post a caldo, ancora stanco dei due giorni di fiera, dove in circa 20h ho percorso 20Km stando dietro al mio tavolo 160×80 (questo è quello che mi hanno detto l’orologio e i muscoli delle gambe).

L’esperienza della fiera è stressante. Prima perché hai paura che non funzioni un tubo di quello che hai preparato (Murphy è sempre lì che aleggia), poi perché devi essere all’altezza di quello che presenti, devi essere sicuro di te e lo devi spiegare (circa 3740378404783 volte) a chi vuole saperne di più.

D’altro canto la soddisfazione a fine evento è stata esaltante, un sacco di gente si è fermata, ha chiesto, incuriosita, ha voluto vedere il sistema all’opera e mi ha chiesto se lo vendevo (no, non è pronto per essere venduto).

Sono passati un sacco di amici a salutare, anche lontani. Grazie di cuore a tutti.

Si sono fermati molti bambini, in questo caso ho capito che devo studiarmi un modo di descrivere il progetto a loro misura, anche se in effetti non è un giocattolo.

Mi ha stupito molto, ma si sono fermate molte ragazze a chiedere informazioni, addirittura in una coppia, lui stava tirando dritto e lei lo ha fermato per chiedermi come funzionasse.

Il sistema ha sempre funzionato, anche se la pessima connettività (sovraffollamento di reti WiFi e della cella 3G piena all’inverosimile) ha giocato contro.

Molta gente è passata, ha preso le caramelle e non mi ha neanche guardato in faccia (vabbé, pazienza).

Ho ripetuto la descrizione del progetto moltissime volte, al punto tale che adesso modifico la pagina relativa al progetto scrivendo quel che dicevo in fiera.

Le slide che proiettavo sul monitor attiravano lo sguardo, ma poca gente le ha guardate tutte, le devo ripensare un attimo.

Devo modificare la casetta, perché alcune funzionalità erano davvero poco visibili, tra le quali una delle più importanti: il controllo dei consumi elettrici. Devo aggiungere un controllo extra, magari una pompa per l’irrigazione, dovrei modificare il bot in modo che risponda alle chiamate telegram degli avventori. In ogni caso usare la casa delle bambole di Ikea (idea di Valentina) è stato geniale per attirare le persone.

Ho anche trovato, forse, un po’ di possibilità di business e un modello che potrebbe funzionare per far fruttare qualche soldo da questo sistema (che non è minimamente pronto per essere venduto a chiunque, è facile da usare, ma decisamente complesso da installare).

Nei prossimi giorni aggiornerò tutti gli articoli relativi al progetto, perché per fare la casa da esporre ho modificato e migliorato alcune parti. Abbiate pazienza che arriva il tutto.

Visto come è andato il tutto, sto per fare l’application alla Maker Faire di Roma (fate il tifo per me!)

Il testamento digitale

Il pensiero di questo post mi è venuto quando mi hanno chiesto una consulenza “per accedere al PC di un amico che è morto e  ha lasciato molta roba dentro”.

Sì, è un post con un fondo di tristezza, ma tutti sappiamo che prima o poi ce ne andremo da questa Terra e in qualche modo lasceremo una traccia o, più precisamente, una marea di roba che chi rimane dovrà gestire.

Oltre ad abiti, contratti, armadi, bollette, proprietà, da un po’ di tempo, e sempre in maggior quantità, si lasciano informazioni digitali sparse qua e là, a volte a disposizione di tutti, altre protette da password. Se avete fatto i bravi, nessuno conosce le vostre password e nessuno potrà accedere ai dati.

E quindi come si può fare?

E’ davvero una roba complicata, soprattutto se si deve iniziare a chiedere l’accesso della mail di un defunto a Google o a Facebook. Già da tempo, prima della richiesta di cui sopra, l’ho gestita in questo modo.

  • Ho preso una chiavetta USB e l’ho legata alle chiavi dell’auto (così le possibilità di smarrimento sono molto molto basse), l’ho formattata in FAT, così è leggibile da qualunque computer con tutti i sistemi operativi.
  • Ho scaricato il programma VeraCrypt e ho messo l’installer per Windows, Linux e Mac nella chiavetta.
  • Ho creato un file crittografato (con VeraCrypt) da poche centinaia di MB (300) con una password lunga che non uso MAI in nessun altro sistema e me la sono segnata.
  • Dentro al file crittografato ho messo gli installer del programma KeePass (ci sono versioni per ogni sistema operativo) e ho fatto copia del mio file KeePass dove memorizzo tutte le mie password.
  • Sempre nel file crittografato ho lasciato un file con alcune indicazioni per chi avrà accesso a questi dati protetti.
  • Nella parte non crittografata ho messo un file di testo chiamato “se hai trovato questa chiavetta leggimi” indicando i miei contatti e i contatti della persona da me incaricata (lo so che eventuali soccorsi hanno altre priorità prima di leggere il contenuto di una chiavetta USB)
  • Ho stampato su carta la password del file crittografato con due rapide istruzioni su come si accede al file e dove lo si trova. Ho dato una busta chiusa con queste informazioni alla persona che dovrà gestire le cose. Di questa persona ho piena e cieca fiducia, ma non credo sia necessario ribadirlo.

Questa mia azione da quasi malato psichiatrico permetterà alla persona incaricata (sempre che ne abbia voglia), dopo la mia dipartita, di accedere a tutti i miei dispositivi e a tutti i miei account in modo da poterli chiudere, svuotare, cancellare o prendere ciò che interessa.

Nel caso in cui si voglia cambiare la persona incaricata è sufficiente modificare la master password del file sulla chiavetta, cambiare i riferimenti nel file esterno e consegnare la nuova busta chiusa.

Sì, ho un file crittografato dove tengo tutte le mie password
Sì, ho tutte password diverse per i vari servizi
Sì, le mie password non le conosce nessuno, neanche mia moglie (è la persona di cui mi fido di più)
Sì, ho blocchi con password su tutti i miei PC e telefoni
Sì, ogni mese aggiorno il contenuto della chiavetta con le nuove password.

Adesso la domanda da porsi è: “cosa lascerò nel mondo digitale quando morirò?” e quella dopo “che fine voglio che facciano tutti i miei dati?”

E se ho dei dati che nessuno deve vedere? Semplice, un altro disco crittografato con VeraCrypt, una password diversa che non avete scritto da nessuna parte e il vostro file resterà una cassaforte digitale per sempre (a meno che non si scopra una vulnerabilità del software di crittografia che permetta l’accesso senza conoscere la password.

Ricordate inoltre che, a meno che non abbiate attivato la crittografia sul disco del vostro PC (tutti i sistemi operativi permettono di farlo ormai), in assenza della password di accesso al PC basta smontare il disco, attaccarlo a un altro PC per avere accesso a tutto il suo contenuto. Paura, eh?

Il rispetto delle regole

Qualche giorno fa il nuovo Sindaco di Torino (che è figlia di un movimento politico che non mi piace, che sta facendo un sacco di cose che non condivido alla città e che non voterei mai) ha detto una cosa furba: la malasosta va combattuta (spero che La Stampa non tolga il video). Lo ha detto in termini molto semplici e condivisibili da tutti: se parcheggi male intralci il trasporto pubblico e ritardi lo spostamento di centinaia di persone, se parcheggi male manchi di rispetto a chi parcheggia lontano o aspetta per parcheggiare bene; guardate tutto il video. Le regole ci sono e devono essere rispettate, come dovrebbe essere garantita la certezza della pena. Poco dopo leggo sulla pagina satirica (ma non troppo) FB Chiara Appendino che fa cose questo post:

schermata-2016-11-13-alle-10-39-50

e penso che la gente abbia capito davvero poco. La città è fatta in un certo modo, creare parcheggi costa caro e sopratutto non si fa con la bacchetta magica in una giornata, quindi ci si deve adeguare. A San Salvario la soluzione l’hanno trovata: metà della zona di sosta è dedicata ai residenti, il resto ai clienti dei locali. C’è comunque un flusso di auto molto elevato, quindi:

  • Arrivi con adeguato anticipo
  • Parcheggi più lontano (quattro passi non hanno mai fatto male a nessuno)
  • Ti muovi con il servizio pubblico (prendere un taxi in 3 e dividere la tariffa della corsa costa meno che dividersi la multa)
  • Non ci vai

Fossi io al suo posto sarei ancora più cattivo. Spendere i soldi della multa è alla portata di tutti, rientra nel conto finale della serata, se invece, alla terza volta che ti beccano, ti bloccano l’auto in un deposito per 5gg il “disguido” inizierebbe ad essere davvero pesante (divieto di sosta, rimozione, deposito, mancanza di auto per andare a lavorare). Per la sosta su posto per disabili o intralcio del traffico/mezzi pubblici io non aspetterei neanche la terza volta, senza auto per 5gg, sicuro che non lo rifai.

E se abito in una zona dove di parcheggio ce n’è poco? Bel problema, concordo. La macchina è una spesa e lo è anche il suo ricovero, io ho un box, per il quale pago un affitto mensile. Quando ho cercato casa l’ho cercata anche valutando la possibilità di parcheggio, quando vivevo in una zona con poco parcheggio e senza box, dopo 30 minuti di giri andavo a parcheggiare a 15 minuti a piedi. Le soluzioni ci sono, anche se non si può rinunciare all’auto (nel mio contratto di lavoro devo essere automunito, pena la possibile perdita del lavoro).

Questa cosa a Torino dovrebbe essere fatta anche sul passaggio con il rosso agli incroci, altra piaga estesa, pericolosa e tollerata.

Nelle grandi città c’è traffico, c’è poco parcheggio, ci sono troppe auto e c’è inquinamento, se non piace si può sempre cercare casa fuori, ci sono i soliti pro e contro da valutare.

 

 

Oggi ci sposiamo!

Un anno fa, al Castello di Tintagel (UK), quando mi disse di , questo giorno ci sembrava così lontano, “abbiamo un sacco di tempo per preparare tutto” dicevamo, con gli occhi che brillavano, su questa scogliera maestosa sull’oceano.

Vale e Fra a Tintagel
Un anno fa a Tintagel

Un anno di preparativi è volato ed eccoci qui, marito e moglie, pronti ad affrontare la nostra vita insieme!

(La bellissima foto degli anelli è di Valentina, mia moglie)

Satispay

Premessa: questo non è un articolo sponsorizzato, solo il link al termine, se lo usate per registrarvi, mi regala 5€.

Ho installato Satispay appena uscito, mi pare due anni fa, perché tra tutte le startup di trasferimento di denaro mi pareva la più promettente (tutto merito dell’ascolto del podcast di 2024). Odio girare e usare il contante, fosse per me pagherei sempre con il bancomat, anche il caffè al bar, ma gli attuali sistemi elettronici hanno commissioni troppo elevate per rendere questa cosa vantaggiosa per i negozianti.

Come funziona Satispay?

Facilissimo: si installa, si sceglie un PIN e si fornisce loro l’IBAN, questo li autorizzerà a creare un RID sul vostro conto (come una bolletta, per capirci) per prelevare e depositare denaro. A questo punto si deve scegliere un budget settimanale che può essere usato per fare acquisti, la prima volta l’importo viene prelevato dal conto e reso disponibile nell’app, così si può spendere. Essendo un movimento di tipo SEPA non è istantaneo come una carta di credito, ma dopo un po’ di utilizzo questo ritardo non si patisce, a patto di avere un budget adeguato alle spese.

Ogni settimana il budget verrà ripristinato al valore scelto, visto che si possono anche ricevere soldi dagli altri, il ripristino potrebbe anche essere un bonifico sul conto.

Sì, se i vostri amici hanno l’app potete trasferire denaro tra di voi istantaneamente e senza costi, come quando si va a cena insieme “io ho 50€, io posso darti 3€ in moneta, a me serve il resto di 42 centesimi, …”, insomma una comodità al di là dell’immaginabile.

Ogni trasferimento tra amici è gratuito, il pagamento nei negozi convenzionati è gratuito, le attività SEPA sul conto corrente bancario sono gratuite, a meno che non abbiate una banca particolarmente antipatica. L’unica persona coinvolta nelle transazioni che deve sostenere un costo è il negoziante, ma solo per importi superiori ad una certa cifra, mi pare 10 o 20€, quindi se pagate un caffè lui non avrà commissioni e accetterà il pagamento senza problemi.

Il problema iniziale erano i negozi convenzionati: nessuno o quasi. Il mio budget di 20€ è rimasto lì fermo per un sacco di mesi, poi, finalmente, Satispay ha iniziato a fare una campagna pubblicitaria molto importante (ho sentito che ha ricevuto un cospicuo investimento) convenzionando un sacco di negozi, adesso lo uso più spesso con grande soddisfazione.

L’utilizzo dell’app è rapido ed intuitivo, la transazione avviene in meno di un secondo, ovviamente dovete avere connessione dati sullo smartphone per poter inviare denaro. Trasferire denaro in questo modo batte in velocità qualunque altro metodo, carte o contanti, che prevedono l’estrazione del portafogli dalla tasca e la ricerca della scheda o del denaro, aspettando il resto (e i maledetti centesimini). Siamo andati a “C’è Fermento” a Saluzzo qualche settimana fa e non abbiamo neanche fatto coda per entrare, c’era la corsia dedicata.

E’ gratis, se lo attivate vi regalano 5€ (4 caffè, non male, direi) e potete farlo da questo link

Fotografare le Frecce Tricolori

Domenica prossima (03/07/2016) alle 18 ci sarà l’esibizione delle Frecce Tricolori sui cieli di Torino, da quel che ho visto ieri nelle prove, lo spazio usato per le loro splendide esibizioni è vasto, quindi saranno visibili da gran parte della città. Se volete fare qualche foto, questi sono i miei consigli da fotografo assolutamente NON professionista.
  • con la reflex è meglio
  • procuratevi una scheda di memoria capiente, veloce e vuota (farete tante tante foto)
  • batterie cariche (più di una è meglio)
  • usate un obiettivo sufficientemente lungo (da 200mm in su, volano molto alte, io uso un 120-400 che mi permette di fare buone foto anche quando si avvicinano)
  • regolate l’ISO in automatico (se c’è il sole starà stabile a 100, se è nuvolo sarà alto, ma meglio una foto un po’ sgranata che mossa)
  • impostate la macchina a priorità di tempi con lo scatto a 1/1000 (volano, non è una natura morta)
  • abilitate la modalità raffica veloce (in una raffica di 20-30 scatti troverete sicuramente la foto giusta)
  • impostate le foto in JPG e non in RAW (ne farete tante, il JPG occupa meno e potete fare raffiche più lunghe senza sovraccaricare la macchina e avere rallentamenti dovuti alla scrittura sulla scheda)
  • impostate l’autofocus in modalità continua sul singolo punto centrale (mette continuamente a fuoco quello che sta guardando, così non perdete quel mezzo secondo che vi farà perdere la scena
Non resta che puntare i velivoli, quando la scena vi piace, via con la raffica!
Nota 1: fate qualche prova prima, giusto per non arrivare a fine esibizione e cestinare 1500 scatti
Nota 2: alcune esibizioni sono belle da vedere senza un obiettivo davanti (la caduta libera dopo lo stallo, il volo sconclusionato rasoterra, il cuore con l’aereo che passa in mezzo, …), ogni tanto lasciate la macchina ferma e godetevi lo spettacolo

Arduino Day 2016 – Qualche riflessione

Sono andato all’Arduino Day 2016 che si è svolto a Torino al FabLab che è proprio sotto alle Officine Arduino. La concomitanza con il WordCamp torinese proprio lì a fianco (due eventi così, lo stesso giorno dello stesso isolato) ha fatto sì che gli spazi fossero limitati al FabLab.

Cinque makers (sì cinque!), qualche progetto, dei quali uno già visto ad una Mini Maker Faire e un po’ di persone con cui chiacchierare. Solito ambiente di (pochi) nerd e poco più.

Leggi tutto “Arduino Day 2016 – Qualche riflessione”

Lo smartphone ci fa male

No, non parlo di onde elettromagnetiche.

Ho fatto un viaggio in treno di circa 6h e ho notato una cosa, presente già adesso ovunque, che mi ha fatto riflettere molto (oltre che istigato all’omicidio di massa, ma ho resistito).

Viviamo (mi ci metto dentro anche io) in un mondo fatto di display LCD dentro cui ci tuffiamo o che siamo pronti a prendere ad ogni piccola notifica, incuranti di dove o con chi siamo.

Leggi tutto “Lo smartphone ci fa male”

Piero

Piero: nome proprio di persona, talvolta utilizzato come sinonimo di “italiano medio”, come nella canzone di Cristicchi

Ero in coda alle poste, dove si ritirano le raccomandate, assieme ad almeno altre quaranta persone. in questi casi, come dal medico, c’è chi attacca bottone, chi risponde, chi si lamenta e così vengono fuori i soliti luoghi comuni. E così si sente un uomo che dice “Da Taranto a qui, nello stesso giorno mi hanno preso 8 volte con il tutor”.

Otto volte con il tutor. Otto.

Leggi tutto “Piero”

Il ransomware e qualche riflessione

Ho già scritto come proteggersi dal ransomware, ma non ho affrontato la questione delle grandi aziende. Il caso dell’ospedale americano che ha pagato 40 Bitcoin di riscatto mi ha fatto pensare molto alle persone alle quali le grandi azienda danno in mano i loro dati.

Da molti anni ormai l’esistenza delle aziende è legata indissolubilmente ai loro dati che sono memorizzati su piattaforma digitale. Tutto, la fatturazione, la produzione, le cartelle cliniche, … Chi ha ancora tutto su carta non è destinato a sopravvivere, oltre al fatto che avere a che fare con la Pubblica Amministrazione obbliga ad avere i dati in formato digitale. E per gli sponsor della carta vorrei ricordare aziende andate a fuoco o a mollo

Leggi tutto “Il ransomware e qualche riflessione”

Perché usare l’autenticazione a due fattori

Internet è un posto pericoloso, l’autenticazione a due fattori forse lo rende meno user friendly, ma aumenta tantissimo la sicurezza. Cercherò di essere breve e semplice, convincendovi ad utilizzarla per più servizi possibili su Internet.

processo autenticazione a due fattori

Partiamo dall’inizio.

Leggi tutto “Perché usare l’autenticazione a due fattori”

Si invecchia

Ehi, gli “anta” si avvicinano!

Il mio programma elettorale

No, non voglio entrare in politica, la cosa mi farebbe parecchio ribrezzo, visto quel che sento di quell’ambiente. Però vivo in uno Stato dove le leggi non sono proprio a tutela del cittadino e sicuramente non aiutano a vivere in modo semplice.

Ecco, in un ipotetico mondo dove io potrei candidarmi, questo sarebbe il mio programma a grandi linee; sicuramente non coprirebbe tutte le necessità nella nostra Italia, ma magari ci farebbe vivere un po’ meglio.

Leggi tutto “Il mio programma elettorale”

Come proteggersi da TeslaCrypt e ransomware vario

Un post di poche (vabbè, ci speravo, dai) parole e tanti contenuti. Lo faccio per voi, poi non ditemi che non vi avevo avvisato. Vi spiego come proteggersi da TeslaCrypt e ransomware vario, che stanno arrivando a ondate in tutte le mail.

Vi arrivano queste mail che sono scritte bene e all’apparenza arrivano da mittenti conosciuti (Enel, vostri amici, corrieri,…), dentro c’è un allegato Office. Nell’allegato Office c’è una macro che scarica un malware che si attiva e passa in rassegna tutti i file del vostro PC (e se ce li avete, della rete, del NAS e dei dischi USB collegati). Prende ogni singolo file, lo cripta e vi impedisce l’accesso. Poi lascia un messaggio in varie copie in ogni cartella dove, banalmente, c’è scritto “se vuoi riavere i tuoi file devi pagare”. Ed è vero, non c’è molto da fare. Avete un backup o pagate (oppure, ovviamente, perdete tutti i dati).

Quindi torniamo indietro nel tempo, prima dell’arrivo di questa mail. Ecco cosa dovete fare, in pochi e semplici passi.

Compratevi un disco esterno sufficientemente capiente. Spendete 100€, se serve. I vostri dati valgono più di 100€, non ho dubbi. Non potete tornare a fare la foto a New York dieci anni fa quando vostro figlio nel passeggino stava divorando un hot-dog preso al carretto per la strada.

Cercate un programma che faccia il backup di tutti i vostri dati, ce ne sono un’infinità, anche gratuiti. Fate anche il backup dentro alle cartelle di Google Drive, Dropbox e simili, che doverli recuperare a mano singolarmente diventa lunga davvero..

Collegate il disco e fate il backup, al termine staccate il disco e mettetelo in un cassetto. Ho detto staccate, quel disco non va lasciato collegato al PC.

Adesso impostate un allarme sul vostro smartphone o scrivetevi sull’agenda “tutti i lunedì sera attacca il disco e fai il backup, poi staccalo”. Ripetete tutte le settimane dell’anno e tutti gli anni. Durante il backup non scaricate mail e non aprite allegati strani.

Ogni tanto, ad esempio una volta al mese, prendete il disco e provate a recuperare un po’ di file, perché un backup ben fatto è un backup dal quale si recuperano i dati.

Ogni 3 anni cambiate il disco.

E se vi accorgete di aver preso il virus? Anche qui decisi e senza paura:

  • Staccate subito la corrente al PC, lo avete perso. Spegnerlo subito permette di salvare i file della rete
  • Verificate, con un altro PC, che i dati sul NAS o sui dischi esterni siano salvi
  • Formattate il PC e rimettete i dati dal backup. Se non sapete come fare chiamate il vostro tecnico di fiducia.

Ad occhio le seguenti categorie dovrebbero essere salve (ma mai dire mai, occhi aperti sempre):

  • Computer con MacOS
  • Computer con Linux
  • Computer con le macro di Office disattivate

Internet è una giungla ed è pericolosa, a volte stare attenti non basta, quindi bisogna essere preparati.

Pagare da Q8 con PayPal

Ho aggiornato il post il 15/02/2016

Ho visto il cartello: è possibile pagare da Q8 con PayPal, posso quindi fare benzina senza usare il bancomat, ma solo con il telefono cellulare. Interessante. Mi sono registrato e ho provato.

Solitamente non sono un affezionato delle tessere fedeltà, raccolte punti e simili. Ho smesso quell’anno che dopo aver fatto spese davvero pazze da MediaWorld ho ricevuto in premio una pinza multiaccessoriata del valore di 3€.

Ma al distributore Q8Easy ho visto il cartello facendo benzina “puoi pagare il tuo rifornimento con PayPal”, uso PayPal da sempre e mi è parsa una buona idea, così mi sono registrato dopo aver scaricato l’App sul telefono e l’ho collegata il mio conto PayPal (che è a sua volta collegato con mio Conto Corrente bancario).

Logo Q8Easy

Ho fatto benzina per la prima volta con il nuovo sistema, la procedura è semplice, ma un po’ più lunga del bancomat.

  1. Aprire l’app e chiedere un codice di autorizzazione (se si abilita, è possibile memorizzare le credenziali PayPal in modo che non vengano chiesta, ma, attenzione, se non avete un PIN serio sul telefono questo può essere un rischio)
  2. Scegliere l’importo massimo
  3. Alla macchinetta del distributore Q8Easy inserire il codice fornito dall’app che è valido per 24h
  4. Fare rifornimento (massimo 100€/giorno o 150€/settimana)
  5. Fine

Il grosso vantaggio è che il codice potete ottenerlo anche a casa (al massimo 10 minuti prima di fare il primo rifornimento), velocizzando tantissimo le operazioni al distributore. Se dovete fare rifornimento a due vetture, lo fate lo stesso giorno con lo stesso codice sullo stesso distributore. Ancora meglio, avete qualcuno che deve fare rifornimento ed è senza portafogli, generate il codice e gli mandate un messaggio.

Il problema (pensavo che lo fosse), che non è evidenziato da nessuna parte (o almeno non l’ho visto delle caratteristiche del sistema), è che PayPal addebita subito tutto l’importo preautorizzato sul conto e se fate meno carburante (io lo faccio sempre, so che il mio pieno è meno di 50€, preautorizzo 50€) tutto il credito non ustilizzato resta sul conto PayPal e non sul Conto Corrente. Questo però decade a fine giornata e l’addebito reale sul Conto Corrente (o sulla carta di credito) è poi la cifra effettivamente spesa al distributore. Ho aspettato 2 giorni prima di scrivere l’articolo, a causa di questo dubbio.

Nessuna spesa aggiuntiva, è una cosa davvero interessante!

Nota conclusiva: non sono stato pagato da nessuno dei due marchi citati nell’articolo, è una mia spontanea recensione del servizio

I regali

Credo che si stia raggiungendo un limite che oscilla tra il ridicolo e l’isterico. La gestione dei regali per le varie occasioni credo abbia superato il mio limite di sopportazione.

Ad ogni evento si deve comprare un regalo per il festeggiato o per tutti (Natale), se il regalo non viene fatto si viene additati come tirchi o come quelli che non ci pensano. Ad una festa se si aggiunge qualcuno non previsto c’è l’ansia “ma adesso a lui cosa si fa?” al punto da arrivare a togliersi un calzino ed impacchettarlo con l’altro, per non arrivare a mani vuote.

Poi c’è il ricatto. “Lui non mi ha fatto il regalo nel secolo scorso, adesso si sogna che io gliene faccia uno”. Oppure, al contrario, “mi ha regalato questo al mio compleanno, devo assolutamente prendergli qualcosa per il suo”.

E del confronto, non vogliamo parlarne? “Se mi regali una cosa piccola te ne regalerò una di pare entità, se me la regali troppo grande farò le rate per stare al tuo livello”. Anche se ci vediamo una volta ogni due anni.

Ci si parla dietro, “ma hai visto che regalo triste ha fatto lui a lei?” Ma saranno anche un po’ fatti loro, no?

Poi c’è l’ansia del “anche solo un pensiero”, andando al mercatino di natale a comprare la prima cianfrusaglia che ci capita sotto gli occhi, basta che non costi troppo. Poi a casa si guardano gli acquisti e si assegnano alle persone. Ma che pensiero è?

Non dimentichiamo che per comprare tutti questi regali si affrontano parcheggi sovraffollati, si paga la zona blu, ci si fa il sangue amaro tra la folla e si consumano le batterie degli smartphone in coda alla cassa. In tutto questo chi ci guadagna è solo un ente: lo Stato che per ogni scambio si prende il 22% del valore (meno se si tratta di cibo).

Odio profondamente questa rincorsa al regalo nell’occasione comandata. Si comprano una marea di cose inutili oppure sempre le stesse per le stesse persone, dopo anni la fantasia finisce.

Il mio concetto di regalo è diverso. Ti conosco, ti ascolto e prendo nota di quando dici “quanto mi piacerebbe avere quella cosa” e poi così, in un giorno qualunque mi presento e te la regalo. la stessa cosa vale per quello che potrei ricevere. Sorrido e dico “che bello”, ma nella maggior parte dei casi arrivano cose talmente non pensate e fatte perché si doveva che preferisco non ricevere nulla.

Ecco, questa è la mia idea per il futuro. Io non voglio regali, a nessun evento “da regali”. Piuttosto offritemi una birra, stiamo insieme, chiacchieriamo, andiamo al cinema.

Odio l’ansia del doverlo fare, i soldi da buttare “perché si deve fare”, ricevere cose non pensate. Secondo me il concetto del regalo va cambiato. Io per primo cambierò il mio concetto.

La festa è stare insieme, non aprire un pacchetto e vedere un sorriso finto.

Non voglio più regali, in nessuna occasione.