La festa di Aid El Fitr al Parco Dora

La puntavo da un po’, ma questa festa è sempre comunicata la sera per la mattina e raramente capita nel fine settimana, invece quest’anno la fortuna ha voluto che la facessero la domenica mattina.

Parco Dora pieno, pienissimo! (più di Piazza Vittorio per la festa di San Giovanni…)

Colori, bambini, abbigliamento tipico mischiato a quello moderno (c’era gente in tuta), tutti con il loro tappetino e senza scarpe, le donne dietro agli uomini.

Se vi capita di passarci una delle prossime volte, ne vale la pena ed è emozionante.

Fine del Ramadan a Parco Dora
Fine del Ramadan a Parco Dora
Fine del Ramadan a Parco Dora

Passare a Kena Mobile

Sperimento spesso nuove tecnologie e servizi, a volte per sfizio, altre per necessità. Questa volta è per ripicca. Cliente di Tre per la telefonia mobile, mi sono “risentito” del rialzo della mia tariffa da 1,50€ a settimana a 10,99€ ogni 4 settimane. Il momento di andarsere era giusto, ho scoperto il nuovo operatore low-cost di TIM e ho pensato “perché no?”.

Ho raccolto un’offerta che ho visto alle 23:40 e che scadeva alle 00:00, e di istinto l’ho sottoscritta. 5,00€ al mese solare per avere 600 minuti di conversazione e 6GB di traffico dati, compreso il thetering (= usare il telefono per far accedere a Internet un altro dispositivo).

Ma chi è Kena Mobile? E’ un operatore virtuale che quindi si appoggia alle antenne di uno dei 3 gestori “reali”, si appoggia alla rete TIM ed è una società di proprietà di TIM (Noverca vi ricorda qualcosa?). E’ un operatore low-cost, quindi da qualche parte deve tagliare, per costare poco. Questi i limiti chiari a tutti:

  • Pochi negozi, si fa tutto online (non è drammatico)
  • Solo rete 2G e 3G (non 4G)
  • Non c’è la ricarica via internet banking/bancomat o al supermercato, c’è solo Carta di Credito, Paypal o negozi Lottomatica
  • Non ha app per la gestione del proprio conto (ma il sito mobile funziona discretamente)

Ho ordinato la SIM dal sito, ho compilato tutti moduli e contratti e dopo un giorno mi hanno chiamato per la consegna della SIM. Ci sono alcuni vincoli per la consegna che potrebbero essere problematici.

  • Il corriere consegna in una giornata comunicata 1-2gg prima, ma non c’è la fascia oraria
  • Alla consegna dovete esserci voi di persona per far vedere il documento, firmare in 5 posti e consegnare al corriere una fotocopia del documento stesso.

Io l’ho fatto consegnare in ufficio, ma non tutti hanno la possibilità di farlo, potrebbe essere un limite.

Alla consegna il modulo della privacy era spuntata l’accettazione della pubblicità interna di Kena, anche se all’atto della registrazione sono sicuro di aver spuntato la voce “No”, ho comunque corretto sul modulo.

La SIM è una multi-standard, quindi entra in qualsiasi dispositivo.

Dopo l’attivazione ho potuto finalmente provare per davvero questo nuovo operatore. Innanzitutto deve essere chiaro, e per me è stata una sorpresa un po’ amara, che la rete 3G comprende anche la 2G e l’HSDPA/EDGE (2.5G). Mi è capitato sovente di leggere “E” al posto di “3G” sul cellulare. Questo è un ritorno al modem a 56K ed è problematico anche solo per postare una foto su Twitter. Tre non ha rete inferiore al 3G, quindi erano anni che non ricordavo cosa fosse la lentezza sul telefono. Sul telefono del lavoro, in contemporanea alla mia “E” avevo spesso il 4G di TIM. Sono stato anche fuori città e molto spesso, rispetto a Tre che era completamente assente, io avevo la “E”, idem nei luoghi chiusi come i supermercati. Insomma, meglio poca connettività che proprio nulla.

In breve: se con il telefono guardate e mandate molto multimedia, ecco, Kena potrebbe non fare al caso vostro almeno in alcune zone.

Ho avuto a che fare con il call-center, perché mi hanno sbagliato la tariffa (come iniziare bene). La selezione è semplice: si preme 0 e si parla con l’operatore, 5 minuti e il problema è stato risolto. Per le richieste inviate via Twitter in 2 giorni mi hanno richiamato chiarendo ogni mio dubbio e domanda. Non da poco, gli operatori sono tutti Italiani quindi non ci sono problemi di incomprensione.

La tariffa è davvero a 30gg, quindi se inizia il 22/05, finisce il 21/06.

Non c’è l’app, il sito ha una comoda pagina personale con tutte le informazioni relative al proprio piano, le opzioni attivabili, la ricarica e i consumi. Ho salvato il link alla pagina sul telefono e tutto va, ma non è comodo come un’app. Soprattutto, se avete esaurito il credito, per poter accedere al sito e ricaricare, dovete attivare Internet a consumo (che costa 0,5€ per 50MB “consecutivi”.

Il servizio che ti avvisa con un SMS quando si è persa una chiamata è gratuito (almeno al momento), idem la segreteria, la cui consultazione consuma i minuti del proprio piano. I due servizi sono disattivi di default e possono essere attivati dalla propria pagina. Non possono essere attivati contemporaneamente.

La tariffa base, senza offerte attive è un po’ cara, ma le offerte sono molto concorrenziali. La promozione di cui ho usufruito ha 600 minuti di conversazione in Italia e 6GB di traffico, SMS esclusi, fatturati a 0,25€/cad (carissimi). Spendo 5€ al mese.

L’attivazione di tutto ha un costo di 20€ (5€ di SIM, 9€ di attivazione piano, primo mese a 4,99€ e 1,01€ di credito rimanente)

Se si finisce il bundle di dati per la navigazione, questa viene interrotta, la si può riattivare mandando un SMS. La tariffazione base è di 0,50€/50MB, oppure si può attivare l’opzione di 1GB aggiuntivo al mese per 4€.

In caso di credito insufficiente la promozione viene interrotta, videne riattivata alla ricarica, basta che questa venga fatta entro 90gg dalla scadenza, in caso contrario l’offerta decade e deve essere nuovamente corrisposto il costo di attivazione.

Ultima nota molto importante: se volete ricaricare in contanti, c’è solo un modo per farlo: recarsi in un punto Lottomatica, chiedere di fare la ricarica, pagare, ottenere il codice e inserirlo nella pagina web. Se regalate la SIM a vostra nonna, ricordatevi che dovrete sempre ricaricargliela voi (a meno che non abbiate una nonna molto smart).

Nota: tutte le tariffe sono quelle in vigore alla stesura del post, vi conviene andare a controllare sempre prima di attivare la SIM.

Il ransomware l’NSA e tutto il resto

C’è stato un attacco di malware che ha colpito nel mondo più di settantamila computer creando danni enormi e ingenti perdite di dati. La notizia ha fatto il giro del mondo e in molti hanno detto amenità o informazione errate. Molto di buono è stato detto e viene continuamente aggiornato, su Twitter

Lavoro nel settore da una quindicina di anni e vorrei cercare di fare un po’ di chiarezza. Partiamo dalle definizioni.

NSA: tutti sanno che è un Ente Governativo Americano il cui scopo è monitorare e mantenere un adeguato livello di sicurezza dei cittadini. Fa anche altro, e questo ci servirà per capire perché è pesantemente coinvolta.

Ransomware: programma malevolo che una volta eseguito su un PC ne cripta il contenuto (tipicamente tutti i documenti e le foto), lasciando operativo il PC e aprendo un messaggio che dice, in poche parole “se vuoi avere di nuovo accesso ai tuoi dati devi pagare”, una volta effettuato il pagamento, solitamente in BitCoin, per non essere tracciati, un tool con la corretta password di decifratura riporterà il PC allo stato precedente (ma ci si deve fidare…)

Vulnerabilità: è un problema nel sistema operativo che non è stato trovato dagli sviluppatori. Un po’ come se noi scrivessimo un testo di esattamente 1245 parole con il grassetto alternato una si e un no e il wordprocessor che stiamo usando aprisse un prompt dei comandi dando accesso a tutto il PC senza alcuna password. In breve sono modalità di accesso difficili da identificare, ma che una volta trovate sono molto pericolose. Tutti i sistemi operativi ne sono affetti (tutti intendo, tutti, nessuno escluso: Windows, Linux, macOS, Andorid, iOS, …). Chi sviluppa e chi ci lavora, quando trova una vulnerabilità la segnala al produttore che provvede a sistemarla con una patch.

Porta aperta: I protocolli di rete per comunicare ad applicazioni differenti sullo stesso computer cercano di accedere a questo tramite delle porte, ogni computer che ha un indirizzo IP (quello vostro di casa sarà del tipo 192.168.1.10) può avere aperte fino a 65.535 porte per altrettanti servizi. Queste sono alcune porte standard che usiamo un po’ tutti:

  • 80: tutti i siti web che iniziano per http:// rispondono sulla porta 80
  • 443: tutti i siti web che iniziano per https:// rispondono sulla porta 443

Port forwarding: all’interno della vostra rete di casa c’è un router che vi permette di collegarvi ad Internet tramite il vostro gestore, il router ha un indirizzo pubblico sulla rete e dentro, tutti i dispositivi (PC, televisore, cellulare, …) hanno un indirizzo IP privato. Per le definizioni, dall’esterno è raggiungibile solo l’IP pubblico (come se fosse la vostra porta di casa) e il router blocca tutte le richieste per la rete privata, ovviamente tranne quelle che partono da uno dei PC interni (qui i protocolli diventano più complessi e non ci interessano). Come posso fare per far sì che il mio PC sia raggiungibile direttamente da Internet? Faccio una regola di port-forwarding sul router e gli dico: “tutte le richieste che ti arrivano sull’IP pubblico sulla porta X, me le inoltri a questo IP privato, sulla porta Y”. Di fatto si espone un dispositivo su Internet. Lo hanno fatto tutti coloro che volevano usare eMule o BitTorrent.

VPN: E’ una connessione che permette di collegarsi con una rete remota (il PC portatile del lavoro, per accedere al server aziendale),usando Internet, ma instaurando un collegamento sicuro e non intercettabile. Così si evita di esporre i server su Internet, in poche parole.

Dopo le definizioni, spero non vi siate annoiati, ecco la storia di cosa è successo.

L’NSA ha scoperto una vulnerabilità del sistema operativo Windows e ha deciso di sfruttarla per colpire e prendere il controllo di computer delle persone che intendeva spiare. Ovviamente non ha comunicato la cosa a Microsoft che, vista la complessità del sistema operativo, quella vulnerabilità non l’ha trovata.

A marzo 2017 NSA è stata violata e tra i documenti usciti allo scoperto si è scoperta questa vulnerabilità. E’ stata definita zero-day, una vulnerabilità già utilizzabile da utenti malevoli, quindi molto grave.

Microsoft ha rilasciato le patch nel giro di qualche giorno, con due importanti note:

  1. Tutti i sistemi in end-of-life non hanno ricevuto le patch. Windows NT, Windows 2000, Windows XP, Windows Vista e Windows 8. Update: la patch per i vecchi sistemi è stata rilasciata, ma continuate a considerarli sistemi a rischio
  2. La patch andava installata.

Ma in cosa consiste questa vulnerabilità? I servizi (e le porte) coinvolti sono due:

  1. La condivisione delle cartelle (quando fate “sfoglia rete”) sul vostro PC per accedere alle cartelle condivise di altri PC
  2. L’accesso al desktop remoto, un modo molto comodo, usato dagli amministratori di sistema per accedere ai server e ad altri PC senza doversi alzare dalla propria postazione e andare in sala server (gli amministratori di sistema sono persone pigre)

Quindi, per essere vulnerabili a questa falla grave il PC/server non doveva essere aggiornato e dovevano essere pubblicati su Internet quei due servizi.

A Maggio 2017 è uscito un worm che sfruttando queste vulnerabilità installava sui PC un criptolocker. una volta installato, il criptolocker stesso andava a cercare all’interno della rete altre macchine vulnerabili. Non è necessaria alcuna azione di un utente distratto per installare questo ransomware, basta che il PC sia non aggiornato ed esposto su Internet.

Con i dati criptati i casi sono due:

  1. Si paga e si spera di riavere i propri dati
  2. Si formatta il PC/server e si recupera tutto da un backup.

Quindi, perché la Sanità Inglese ha subìto tutti questi danni?

Perché gli amministratori di sistema hanno lasciato esposte su Internet delle macchine vulnerabili, non hanno aggiornato i sistemi operativi e non hanno provveduto a fare un backup adeguato.

NSA l’ha fatta grossa e in nome di una fasulla sicurezza ha reso vulnerabili tutti i PC del mondo, ma la colpa grave, anzi, gravissima, è di chi lavorando nei Sistemi Informativi, non si è attivato per chiudere le connessioni pericolose dall’esterno e non ha provveduto ad aggiornare o sostituire i PC. Ovviamente se nessuno ha disposto l’acquisto di nuovi PC, la colpa ricade anche su chi non ha permesso l’investimento.

Dovrebbero cadere molte teste di IT Manager e di addetti ai firewall e ai backup. L’acceso a risorse interne alla rete deve essere sempre e solo garantito da connessioni VPN dall’esterno verso la rete aziendale.

Come ci si protegge?

  • Usate solo PC con Windows 7 o Windows 10. Se avete ancora PC con vecchi sistemi operativi cambiateli o aggiornateli
  • Abilitate e lasciate abilitati i Windows Update, sempre! (non aggiornare i PC è come essere anti-vaccinisti)
  • Non fate port-forwarding delle porte 3389 e 445
  • Avete un backup? Se no, è ora di farlo!

Scegliere un hard disk

Il disco fisso, o hard disk, è un componente importante per la memorizzazione duratura dei dati, per questo è bene scegliere correttamente la tecnologia (ho parlato delle differenze tra i dischi fissi un due puntate di Pillole di Bit, qui e qui) e la capacità. Un fattore che spesso si tralascia è la modalità si assistenza e sostituzione in caso di guasto.

Mi spiego con un esempio concreto:

  • Disco IBM/DELL/HP di fascia enterprise
    • Costa molto caro.
    • Si guasta oggi, in una media di 24h ho il disco sostitutivo, entro 5gg devo restituire quello guasto, senza costi di corrieri
  • Disco WD RED da NAS (ho avuto esperienza con questo in questi giorni)
    • Costa molto meno (1/4) di quelli di fascia enterprise
    • Si è guastato il 17/04/2017
    • Ho aperto la chiamata il 18/04/2017
    • Ho spedito a mie spese il disco
    • E’ arrivato il disco sostituivo l’8/05/2017, per un totale di 21 giorni senza disco.

Non è necessario avere dischi di fascia enterprise per il vostro piccolo NAS da ufficio, ma se ci tenete davvero ai dati, oltre a farne un backup in altro dispositivo, comprate un disco in più e tenetelo pronto per la sostituzione.

Viaggiare 2.0 – cosa devo mettere in valigia?

Pessimo titolo, lo so, ma non sapevo cos’altro mettere :). Il sottotitolo sarebbe “un elenco di cose alle quali fare attenzione quando si viaggia, in questa nuova era digitale“.

Ognuno fa la valigia come gli torna più comodo, decide quante mutande portare, se prendere il maglione di lana o la felpa, se portare un paio di scarpe in più, questo da sempre. Ma da un po’ di tempo ci si porta dietro anche un po’ di armamentario tecnologico, per questo la valigia dovrebbe cambiare un po’ per adattarsi a queste nuove tendenze. In questo elenco cercherò di essere il più esaustivo possibile, ma tenete conto che sono le mie idee basate su quello che mi porto io, per ognuno le necessità potrebbero cambiare (come il secondo paio di scarpe, per intenderci)

Ricarica

  • Un carica batterie per ogni tipo di batteria che dovrete usare – fate attenzione che se andate in paesi come gli USA la tensione cambia, conviene verificare che sul dispositivo sia indicato 110-220VAC 50-60Hz.
  • Una ciabatta con un po’ di prese – in albergo le prese di corrente sono sempre troppo poche.
  • Un adattatore dalla presa del Paese dove sarete e la spina italiana della ciabatta di cui sopra – io me ne sono fatta una che vale in un po’ tutta Europa, togliendo il pin della terra da una italiana 10A. Non usare la terra è pericoloso, ma solitamente tutti i carica batteria ne fanno già a meno, il problema quindi non sussiste.
  • Un alimentatore con 4-5 porte USB, tipo questo
  • Cavi e cavetti per la ricarica di cellulari e simili – due per tipo, che non si sa mai, verificate di avere tutti i connettori di cui avrete necessità (lightning, mini USB, micro USB, USB-C, …)
  • Almeno un battery-pack, se ha 2-3 uscite USB è sicuramente più comodo, come questo

Fotografia

  • Macchina fotografica – indispensabile.
  • Almeno 2 batterie di scorta – capita sempre che la batteria ci lasci sul più bello
  • Carica batterie – per ovvi motivi
  • Una scheda di memoria di scorta – che se la prima si riempie non è sempre così immediato trovarne un’altra
  • Un sistema di backup per le foto (PC portatile o HD esterno che si colleghi direttamente alla macchina fotografica) – se vi rubano la macchina fotografica a metà viaggio, o se vi cade da un ponte o altre disgrazie simili, se non avete fatto il backup delle foto avete perso anche loro.
  • Un posto dove tenerla che sia impermeabile – fanno un sacco di borse e zaini con la fodera impermeabile in caso di pioggia

Telefonia

  • Lo smartphone – ovviamente
  • Due cavi di ricarica – in vacanza ci si deve portare mille cose, tutte in tasca, è facile che un cavetto si rovini o si perda.
  • Un condom-USB – evita che una presa USB sconosciuta possa avere accesso fisico al telefono per rubare dati o installare un malware.
  • La consapevolezza delle tariffe telefoniche e di Internet in roaming in base al Paese da visitare – prima di decollare disattivate il roaming e la rete dati, così per sicurezza
  • Una saponetta WiFi dentro cui mettere una SIM del posto – è il modo migliore per avere Internet ad un costo ragionevole, l’ho fatto in Gran Bretagna, Madagascar, Danimarca. Ormai le SIM dati per i turisti si trovano facilmente. Preferisco la saponetta piuttosto che cambiare la SIM del telefono perché così resta attivo il numero di telefono che tutti conoscono e gli account delle app di messaggistica che fanno riferimento al numero stesso.
  • Un battery-pack aggiuntivo per la saponetta WiFi – se la tenete sempre accesa, ricordate il cavo di ricarica
  • Un’app per fare la VPN dal telefono e/o dal PC – Le reti WiFi libere sono sempre più diffuse, ma quelle senza password non proteggono il traffico che generate con lo smartphone, insomma, tenere le cose che fate non alla luce del sole è meglio (non è bello se vi rubano gli accessi della banca mentre usate l’app per vedere l’estratto conto). Io uso questa che va benissimo, è facile e ha un costo assolutamente accettabile. Informatevi prima se nel paese dove andate l’utilizzo delle VPN sia permesso dalle leggi vigenti.

Muoversi (un po’ di app da tenere con sé)

  • Google Maps è indispensabile, potete crearvi le Vs mappe con le cose da visitare facilmente a casa per poi averle sul telefono. In molti paesi vi calcola anche i percorsi con i mezzi pubblici, c’è anche l’opportunità di scaricare in offline intere aree.
  • TripAdvisor può tornare molto utile per la ricerca dei posti dove andare a mangiare.
  • Se volete memorizzare tutti i percorsi fatti, un’app che memorizzi le posizioni GPS da importare su Google maps una volta tornati a casa è indispensabile – ricordate che consuma un sacco di batteria, è bene avere un dispositivo dedicato, come un vecchio cellulare. Ci sono software che assegnano le coordinate alle fotografie fatte con dispositivi senza antenna GPS in automatico in base al tracciato memorizzato.

Tutto pronto? Mettete l’indispensabile nel bagaglio a mano

  • Macchina foto
  • battery pack
  • Adattatore di presa elettrica
  • caricatore USB
  • cavetti

e buona vacanza!

Il rispetto delle regole

Qualche giorno fa il nuovo Sindaco di Torino (che è figlia di un movimento politico che non mi piace, che sta facendo un sacco di cose che non condivido alla città e che non voterei mai) ha detto una cosa furba: la malasosta va combattuta (spero che La Stampa non tolga il video). Lo ha detto in termini molto semplici e condivisibili da tutti: se parcheggi male intralci il trasporto pubblico e ritardi lo spostamento di centinaia di persone, se parcheggi male manchi di rispetto a chi parcheggia lontano o aspetta per parcheggiare bene; guardate tutto il video. Le regole ci sono e devono essere rispettate, come dovrebbe essere garantita la certezza della pena. Poco dopo leggo sulla pagina satirica (ma non troppo) FB Chiara Appendino che fa cose questo post:

schermata-2016-11-13-alle-10-39-50

e penso che la gente abbia capito davvero poco. La città è fatta in un certo modo, creare parcheggi costa caro e sopratutto non si fa con la bacchetta magica in una giornata, quindi ci si deve adeguare. A San Salvario la soluzione l’hanno trovata: metà della zona di sosta è dedicata ai residenti, il resto ai clienti dei locali. C’è comunque un flusso di auto molto elevato, quindi:

  • Arrivi con adeguato anticipo
  • Parcheggi più lontano (quattro passi non hanno mai fatto male a nessuno)
  • Ti muovi con il servizio pubblico (prendere un taxi in 3 e dividere la tariffa della corsa costa meno che dividersi la multa)
  • Non ci vai

Fossi io al suo posto sarei ancora più cattivo. Spendere i soldi della multa è alla portata di tutti, rientra nel conto finale della serata, se invece, alla terza volta che ti beccano, ti bloccano l’auto in un deposito per 5gg il “disguido” inizierebbe ad essere davvero pesante (divieto di sosta, rimozione, deposito, mancanza di auto per andare a lavorare). Per la sosta su posto per disabili o intralcio del traffico/mezzi pubblici io non aspetterei neanche la terza volta, senza auto per 5gg, sicuro che non lo rifai.

E se abito in una zona dove di parcheggio ce n’è poco? Bel problema, concordo. La macchina è una spesa e lo è anche il suo ricovero, io ho un box, per il quale pago un affitto mensile. Quando ho cercato casa l’ho cercata anche valutando la possibilità di parcheggio, quando vivevo in una zona con poco parcheggio e senza box, dopo 30 minuti di giri andavo a parcheggiare a 15 minuti a piedi. Le soluzioni ci sono, anche se non si può rinunciare all’auto (nel mio contratto di lavoro devo essere automunito, pena la possibile perdita del lavoro).

Questa cosa a Torino dovrebbe essere fatta anche sul passaggio con il rosso agli incroci, altra piaga estesa, pericolosa e tollerata.

Nelle grandi città c’è traffico, c’è poco parcheggio, ci sono troppe auto e c’è inquinamento, se non piace si può sempre cercare casa fuori, ci sono i soliti pro e contro da valutare.

 

 

Sensore di temperatura WiFi

Nel progetto della domotica fai da me non può mancare un sensore di temperatura, in questo caso con alcune caratteristiche particolari, utili a metterlo in ogni punto della casa senza dover cablare o far passare fili in giro per casa.

Le caratteristiche che sono riuscito ad ottenere sono:

  • Economico
  • WiFi
  • Portatile, quindi a batteria con una durata decente senza dover cambiare pile ogni pochi giorni.
  • Interfacciabile con la mia centralina basata sul Raspberry Pi

La lista della spesa è veramente minima e prevede, purtroppo, lunghe attese, perché tutto in arrivo dalla Cina.

La scheda WeMos D1 mini è basta su ESP8266, un microcontrollore tipo Arduino, ma con alcune caratteristiche che lo rendono davvero interessante.

Innanzitutto costa poco, con 4€ ci si porta a casa il processore, il modulo per alimentarlo e programmarlo via MicroUSB e tutta l’elettronica necessaria, poi è WiFi, di serie, senza nessun tipo di difficoltà a collegarlo alle reti casalinghe, ha la funzione di deep sleep, durante la quale non è attivo e consuma 0,3mA, questo lo rende perfetto per essere alimentato a batteria; in ultimo, ma non meno importante, si programma tramite l’IDE di Arduino, quindi il tutto è davvero semplice, se si ha già conoscenza della programmazione di Arduino.

Ho scelto la WeMos perché produce anche dei piccoli shields con sensori e altri dispositivi piccoli (relè, display OLED, …). Un po’ di pratica con il saldatore ed è possibile avere il proprio sensore di temperatura che occupa circa 2 cc (sì, è davvero piccolo!)

La parte di assemblaggio hardware è davvero banale: si saldano i pin sulla D1 e si saldano gli altri pin sullo shield, poi si collegano tra di loro. Fatto. Anzi, no, serve una saldatura aggiuntiva che colleghi tra di loro il pin RST e il pin D1 sullo shield con il sensore della temperatura.

img_2232
Saldare D0 a RST (attenzione, che se la piedinatura cambia dovete seguire i nomi dei pin e non la posizione che vedete in foto)

A cosa serve questo collegamento? E’ assolutamente necessario per il ciclo di deep sleep. Quando si impartisce il comando per questa specie di ibernazione, c’è un contatore interno che consuma molto poco e dà il segnale di reset al pin D1 al termine del conteggio, collegando il pin D1 al pin di reset questo sveglierà la scheda che riprenderà il suo lavoro, come appena accesa.

Perché devo saldarlo sullo shield? Perché quando questi due pin sono collegati tra loro è impossibile scrivere il programma nel microcontrollore, quindi quando si deve aggiornare il codice lo shield può essere tolto, così non ci saranno problemi.

L’alimentazione può essere fornita tramite 3 pile stilo AA alcaline o ricaricabili. messe in serie. Se alcaline, la tensione in uscita sarà 1,5×3 = 4,5V, se ricaricabili 1,2×3 = 3,6V (sapevate che le pile ricaricabili sono da 1,2 e non da 1,5?), la scheda funziona a 3,3V e ha un regolatore di tensione che le permette di funzionare anche con i 5V della USB, pertanto fornire un po’ più di 3,3V permetterà al tutto di funzionare adeguatamente.
Ho fatto un po’ di prove è sono giunto alla conclusione che i fili nero e rosso che escono dalla scatolina delle batterie possono essere saldati sulla scheda D1 Mini ai pin 5V (il rosso) e GND (nero). Con 3 pile stilo ricaricabili da 2000mAh sono arrivato a fare più di 6,500 letture (circa 90gg con una lettura ogni 20 minuti).

Dove saldare i cavetti delle batterie, attenzione alla polarità!
Dove saldare i cavetti delle batterie, attenzione alla polarità!

Il codice, che trovate come sempre su GitHub è molto banale e si può riassumere con i seguenti passi

  1. Attiva WiFi (mettete qui la vostra rete e la password, solo reti 2,4GHz)
  2. Attiva la comunicazione con il sensore DHT22
  3. Effettua la lettura (il sensore è lento, ci va un delay per attendere il risultato)
  4. Scrive la lettura chiamando il server web (quello fatto sulla centralina, se non ve lo ricoardate, andate a vedere il post relativo) che la memorizza
  5. Va in ibernazione per 10 minuti (ma potete mettere il tempo che più vi piace) per poi ricominciare dal punto 1

Nel codice, al momento della scrittura del valore sul DB, c’è il parametro della stanza, così, avendo più sensori sparsi per casa, si può avere l’andamento della temperatura in ogni stanza. Ho dovuto faticare un po’ per la creazione del link http per scrivere i dati nel DB.

Scrivere il codice tramite l’arduino IDE è banale, basta seguire la semplicissima guida per abilitare la scheda, scegliere il dispositivo D1 mini (con me ha funzionato quello indicato come “retired”) e usarla esattamente come Arduino. Con il Mac non ci sono riuscito, ho fatto tutto con un PC Windows 10.

Se invece volete creare un qualunque altro sensore che misuri il parametro ad intervalli regolari (umidità, gas, pioggia, acqua nella terra delle piante, allagamento, …) basta sostituire il DHT22 con il relativo componente e studiare come interfacciarlo con l’ESP, solitamente ci sono librerie per ogni tipo di sensore.